Categorie

Archivi

Meta

Dimmi come leggi e ti dirò chi sei #1

15 Febbraio 2015 sere-savo 2 min read

Dimmi come leggi e ti dirò chi sei #1

15 Febbraio 2015 Rose 2 min read

Premessa

L’uomo trascorre metà della sua esistenza dormendo e molti studi sperimentali hanno verificato come la posizione che preferiamo per riposare può rivelare tratti, spesso anche celati, del nostro carattere.
Così mi son detto, perché non proiettare questi studi in chiave di lettura?
Quando dormiamo e quando leggiamo le caratteristiche psicofisiche del nostro organismo sono pressoché simili. Nel primo caso possiamo individuare uno stato fisico completamente rilassato, ma cerebralmente possiamo constatare, concretamente attraverso i sogni, come la mente elabora e organizza interrottamente informazioni captate durante il giorno.

E quando leggiamo?
Il nostro corpo non è sottoposto a grandi sforzi fisici e la nostra mente elabora ciò che leggiamo. Può sembrare una cosa ovvia, ma spesso è sottovalutata! Mettetevi nei panni del cervello: immaginare centinaia di paesaggi e personaggi differenti, immagazzinarli e assimilarli. Non solo! C’è tutto un lavoro di comprensione del testo, di riconoscimento delle lettere e il loro rispettivo suono, di talvolta paragoni con la vita reale, emozioni … Non mi meraviglierei se da un momento all’altro il nostro cervello decidesse di levare le ancore ed esplodere! Una cosa è certa: immaginare è forse ciò che di più complesso ci sia al mondo, ma allo stesso tempo è talmente naturale per l’uomo, che quasi lo fa “senza pensarci”!

Ovviamente non si può paragonare completamente l’enorme e intricato labirinto dell’elaborazione mentale durante il sonno con la “semplice”, se messa a confronto, fase di lettura, quindi ciò che state per leggere non ha alcun fondamento scientifico ottimale (solo ipotesi basate su studi sperimentali), e se nel futuro alcuni studiosi facessero qualcosa di simile a questo, ciò non influenzerebbe minimamente la veridicità di questa rubrica.

Scherzi a parte, possiamo cominciare finalmente ad analizzare la prima posizione di lettura!

psddimmicomeleggi #1  ((1))1_compressed 23_compressed

C’è un momento nella vita di tutti i giorni in cui gli astri si allineano e il destino tra te e quel libro coincide.
Il letto/divano è libero, ti siedi svogliatamente, appoggi il dorso e ti raggomitoli su te stesso/a .
Il libro prende posto sulle tue gambe e il profumo delle pagine ti inebria: ultimo contatto con la realtà.

Oh, come dici? E’ la tua posizione di lettura preferita? Benissimo! Quest’articolo è stato scritto proprio per te!

Chi ama leggere in questa posizione è solitamente una persona piuttosto chiusa e riservata. Spesso è timida quando incontra persone nuove, ma con il tempo, stabilita l’essenziale familiarità, è aperta e socievole. Tende ad essere sensibile e la personalità nel complesso risulta spesso insicura.

psddimmicomeleggi #1  ((2)) 6_compressed

Quindi, se questa è la tua posizione preferita per leggere allora sei una persona timida, in grado di sciogliersi gradualmente.
Sei un amico/a ideale: una persona non troppo sfrontata e per altro un’ottima ascoltatrice.
Le insicurezze non sono una novità per te e ti inducono ad essere quasi sempre suscettibile al giudizio degli altri. Nonostante ciò, cerchi sempre di apparire forte e di non cadere mai.

Commenti

×