Categorie

Archivi

Meta

Farsi degli amici a Hogwarts: cosa fare e cosa no

3 Novembre 2020 eric-bard 3 min read

Farsi degli amici a Hogwarts: cosa fare e cosa no

3 Novembre 2020 Mikasa 3 min read

Nonostante a volte ci sfugga è necessario ricordare che Hogwarts, che sia magica o meno, è pur sempre una scuola, per la precisione una scuola che accoglie ragazzi dagli undici anni in poi. Un’età complicata se consideriamo che questi giovani maghi e streghe sono costretti a vivere per l’intero anno lontano dalle proprie famiglie. A quel punto Hogwarts diventa la tua casa e i tuoi compagni la tua famiglia e farsi degli amici diventa importante, quasi vitale. Ecco cosa ci hanno insegnato Harry, Ron, Hermione e tante altre persone su come sia meglio comportarsi (e come no).

Probabilmente acquistare tutti i dolcetti del carrello e offrirli a un ragazzo appena conosciuto può essere un buon approccio, così come può non esserlo sfoggiare le proprie capacità e conoscenze per beffeggiare gli altri. Ecco cosa potrebbe tornarci utile se un giorno per caso finissimo a Hogwarts e dovessimo farci degli amici.

Sì: condividi le tue cioccorane e gelatine tutti i gusti +1

Un viaggio in treno verso Hogwarts è impegnativo e ancora di più se non hai niente da sgranocchiare. Certamente un ottimo modo per farsi degli amici e offrire dei dolciumi da gustare assieme durante il viaggio (magari non tutti i dolci del carrello, perché affinché tu lo sappia, Harry, ci sono anche altri studenti affamati sul treno!)

E per noi poveri babbani, le cioccorane e altri dolciumi a tema potteriano sono acquistabili qui!


No: non sfoggiare la tua bravura e conoscenza degli incantesimi beffeggiando gli altri

Sì Hermione, parliamo con te. Avere delle conoscenze è una cosa ammirevole e bellissima, ma non è necessario utilizzarle per mettersi in mostra davanti agli altri o sminuire gli incantesimi altrui (anche se effettivamente “Per il sole splendente, per il fior di corallo stupido topo diventa giallo” non sembra molto credibile).

amici

Sì: se puoi aiuta le persone che ti circondano nel momento del bisogno anche se le conosci da poco

Quando il troll di montagna viene introdotto nel castello la notte di Halloween, Harry e Ron non esitano un solo minuto prima di correre in soccorso di Hermione che è rimasta sola nel bagno delle ragazze (proprio dove si era spostata la creatura). Nonostante non corresse ancora buon sangue tra loro, si sono prodigati in aiuto di quella che poi sarebbe diventata la loro migliore amica.

amici

Ma da quel momento Hermione Granger divenne loro amica. È impossibile condividere certe avventure senza finire col fare amicizia, e mettere ko un mostro di montagna alto quattro metri è fra quelle.

– Harry Potter e la Pietra Filosofale


No: non cercare di farti degli amici denigrando gli altri

Essere purosangue nel mondo magico è davvero così importante? Ed essere benestanti? No, ma Draco Malfoy potrebbe dissentire, anzi sicuramente lo farebbe. C’è un chiaro intento da parte sua di stringere amicizia con Harry, forse perché Harry è in un certo senso una “star” a Hogwarts, il bambino sopravvissuto, il prescelto e quant’altro. Harry, però, sa riconoscere da solo le amicizie giuste e quelle sbagliate e non esita nello schierarsi al fianco di Ron, a scuola e non, contro i soprusi da parte di Malfoy e la sua famiglia.

amici

Sì: sii sempre te stesso

Può sembrare banale, ma – così come nella vita reale – il miglior modo per circondarsi di persone che ti apprezzano per quello che sei, è essere sempre te stesso. Se Hermione non fosse stata così ricca di conoscenza (e un po’ saputella) non sarebbe l’Hermione che conosciamo e se non ci fosse lei a ricordarci costantemente cosa è previsto dalle regole saremmo finiti nei guai più di una volta. Se Ron non fosse così impulsivo forse Harry quella notte nella foresta sarebbe morto nel lago nel recuperare la spada di Grifondoro, oppure non avrebbero mai distrutto il medaglione. Se Harry non fosse così coraggioso e pronto a sacrificarsi per il prossimo, il pezzo dell’anima di Voldemort al suo interno non sarebbe stato sconfitto.


Harry Potter ci ha insegnato una cosa molto importante: ci saranno sempre persone che cercheranno di contrastarci, magari chiamandoci “Sanguesporco”, oppure cercando di allontanare le persone da noi definendoci “amicizie sbagliate”, o cercando di metterci in cattiva luce davanti l’intera scuola, ma ce ne saranno altre che rimarranno con noi qualunque cosa accada, e ci sentiremo disposti a fare lo stesso con loro.

Commenti

Mikasa

All posts
×