Categorie

Archivi

Meta

Svaghi da maghi: la storia dei videogiochi di Harry Potter – parte 2

22 Gennaio 2023 gian-sarl 6 min read

Svaghi da maghi: la storia dei videogiochi di Harry Potter – parte 2

22 Gennaio 2023 Newt 6 min read

Dopo aver elencato i videogiochi usciti durante la serie principale dei film, continuiamo la nostra analisi con quelli più recenti, che hanno tenuto in qualche modo in vita il franchise, fino ad arrivare a quelli che stiamo ancora aspettando.

A proposito, se vi siete persi la prima parte, potete recuperarla qui.

Harry Potter per Kinect (2012)

Qualora non foste pratici di videogiochi, vi basterà sapere che il Kinect è un accessorio per la console Xbox 360 che permette di rilevare il movimento del corpo del videogiocatore senza che quest’ultimo impugni alcunché.

Avrete sicuramente già capito a cosa serve questo dispositivo in un gioco di Harry Potter: a lanciare gli incantesimi con i movimenti del nostro corpo proprio come se fossimo dei maghi!

Purtroppo, il gioco non segue una vera e propria trama e non c’è un personaggio con delle abilità da sviluppare, ma riprende semplicemente alcune scene dei film della saga. Resta però uno dei videogiochi più “particolari” della serie, essendo unico nel suo genere.


Il libro degli Incantesimi (2012) e Il libro delle Pozioni (2013)

La “risposta” della Sony a Harry Potter per Kinect non si è fatta attendere. Grazie all’uso di PlayStation Move, in questi giochi per PS3 ci sembrerà davvero di impugnare una bacchetta e di lanciare incantesimi.

Qui è anche possibile creare un proprio personaggio con tanto di Casa di appartenenza, collegabile persino all’account di Pottermore (ora Wizarding World).


Fantastic Beasts: Case from Wizarding World (2016)

Questo videogioco è stato pubblicato contemporaneamente all’arrivo di Animali Fantastici e dove trovarli nei cinema.

Si poteva giocare su Android o iOS e ci trovavamo nei panni di un nuovo impiegato presso l’Ufficio Regolazione e Controllo delle Creature Magiche. Potevamo quindi scoprirne di nuove con l’avanzamento dei progressi. Il gioco però non ha avuto il successo sperato ed è stato chiuso definitivamente a gennaio 2020.

Questo è stato l’ultimo gioco ad essere stato pubblicato in contemporanea a un film. La tradizione, iniziata con i videogiochi di Harry Potter, non è proseguita all’uscita dei successivi capitoli della serie di Animali Fantastici.


La serie LEGO Harry Potter (2001-2018)

Questa serie di videogiochi merita un discorso a parte. I primi due titoli che hanno per protagonisti i personaggi della saga in versione LEGO risalgono rispettivamente al 2001 e al 2002 e sono usciti quindi in contemporanea ai primi due film. Si tratta di due capitoli della serie LEGO Creator (rispettivamente dai sottotitoli Harry Potter e Harry Potter e la Camera dei Segreti) per Windows, in cui bisogna semplicemente creare virtualmente i pezzi LEGO.

Poi la serie si è “completata” ricoprendo tutta la trama dei film (ma tra i personaggi sbloccabili ne troviamo alcuni apparsi poco o nulla nella serie cinematografica, come Charlie Weasley) con LEGO Harry Potter: Anni 1-4 (2010) e LEGO Harry Potter: Anni 5-7 (2011).

Sono giochi completamente diversi dai precedenti, in cui bisogna capire di volta in volta quale incantesimo bisogna usare per andare avanti nella trama e trovare oggetti segreti. Ognuno dei personaggi è dotato delle proprie qualità. Ad esempio, se dobbiamo volare su una scopa, ci conviene controllare Harry, che sa farlo meglio di tutti. Se dobbiamo risolvere un enigma scritto con le Rune Antiche, ci verrà in aiuto Hermione, con la sua conoscenza della materia.

Questi due videogiochi sono usciti per PlayStation 3, Xbox 360, PSP, PS Vita, Wii, Nintendo DS, 3DS, Windows, Android e iOS. Sono poi stati raccolti nella LEGO Harry Potter Collection, uscita per PS4 nel 2016 e per Xbox One e Nintendo Switch nel 2018.

Va citato anche LEGO Dimensions, videogioco crossover in cui compaiono, tra gli altri, personaggi di franchise come “Il Signore degli Anelli”, “Jurassic World” e “Ghostbusters”. Oltre a quelli di Harry Potter, abbiamo nel gioco anche i personaggi di Animali Fantastici. Si tratta della prima apparizione ufficiale per Newt e compagni, essendo il gioco datato 2015.


Harry Potter: Hogwarts Mystery (2018)

Hogwarts Mystery è un videogioco per smartphone (Android 4.4, iOS 10.0 o successivi) che ci permette di impersonare uno studente di Hogwarts che arriva alla scuola con una pessima reputazione per alcune vicende che hanno coinvolto il fratello maggiore.

Il gioco è ambientato negli anni dal 1984 al 1991, cosa che permette alla trama di non intersecarsi con quella dei libri. Il nostro personaggio conseguirà i M.A.G.O. pochi mesi prima dell’arrivo di Harry Potter a scuola. Ritroviamo comunque alcuni volti noti, come i fratelli Weasley maggiori e Ninfadora Tonks, che all’epoca erano studenti a Hogwarts.

Una trama avvincente, in cui il nostro personaggio dovrà risolvere il mistero delle Sale Maledette, connesse alla scomparsa di suo fratello, fa da contraltare una scarsa giocabilità.

Il meccanismo dell’“energia” che si recupera semplicemente con il tempo non permette di avanzare in fretta nel gioco, a meno che non si paghino soldi veri. Non ci sono delle vere e proprie abilità che il giocatore deve mostrare, ma soltanto quella di utilizzare l’energia nel momento in cui essa è disponibile.

Alcuni aggiornamenti negli ultimi anni hanno ridotto in parte i problemi e ampliato le possibilità del gioco. Di volta in volta sono state inserite anche nuove creature da addestrare (che ci forniranno energia) secondo le dritte che ci fornisce il professor Silvanus Kettleburn, predecessore di Hagrid alla cattedra di Cura delle Creature Magiche. Di lui e della sua apparizione in Hogwarts Mystery abbiamo parlato qui.

Resta però la sensazione di incompiutezza e di “occasione sprecata”, perché con una trama del genere e con ambientazioni ricreate in maniera eccellente (per le proprietà degli smartphone) poteva venir fuori un gioco ancora migliore.


Harry Potter: Wizards Unite (2019)

Qui arriviamo, purtroppo, a una nota dolente. Wizards Unite è stato sicuramente il flop più clamoroso, almeno rispetto alle attese, nella storia dei videogiochi di Harry Potter.

Sembrava destinato a diventare “il Pokémon GO del mondo di Harry Potter”, data l’impostazione simile e lo sviluppo affidato alla Niantic. Il successo avuto dal videogioco però non è stato minimamente paragonabile a quello del suo predecessore, tanto che il 31 gennaio 2022, dopo soli due anni e mezzo, i server sono stati definitivamente chiusi.

Wizards Unite è ormai storia passata, ma qualche rimpianto c’è, dato che qualcosa di buono era presente nel gioco. C’era la possibilità di far crescere il proprio personaggio, di aumentare le abilità desiderate e anche di scegliere carriere diverse. Si potevano incontrare vecchie conoscenze del Mondo Magico e scoprire personaggi nuovi. Forse, però, la monotonia del gioco e anche una scarsa pubblicità hanno fatto la differenza in negativo.


Harry Potter: Puzzles and Spells (2020)

Come di dice il nome, in questo videogioco per smartphone non è altro che un puzzle game. Sostanzialmente, bisogna risolvere degli enigmi spostando delle gemme e formando delle combinazioni tra quelle dello stesso colore. Alcuni incantesimi speciali vi aiuteranno nel compito.

Non passerà agli annali come uno dei videogiochi migliori di sempre, ma si tratta comunque di un bel giochino con cui gli appassionati hanno trovato momenti di distrazione durante le fasi peggiori della pandemia.


Harry Potter: Scopri la Magia (2021-2023)

L’hype dei videogiocatori appassionati di Harry Potter è giustamente concentrato sull’attesa per Hogwarts Legacy. Questo gioco per iOS e Android, però, viene colpevolmente dimenticato. Magic Awakened, che arriverà in Italia con il titolo di Scopri la Magia, è uscito in Cina nel 2021 ed era atteso nel resto del mondo per il 2022. Come vi abbiamo annunciato, però, la sua uscita è stata ormai posticipata al 2023.

possiede la modalità multiplayer online (è un MMORPG) ed è basato su delle carte che ci permettono di lanciare incatesimi. È ambientato nel 2008, dieci anni dopo la sconfitta di Voldemort, e il protagonista è un Nato Babbano invitato a frequentare il primo anno a Hogwarts ma che deve fin da subito svelare un mistero: quello di un ragazzino del primo anno che scompare poco dopo il suo Smistamento.


Hogwarts Legacy (2023)

Una volta elencati tutti i videogiochi nella storia del franchise, è bene ricordare che questa storia sta per arricchirsi di un nuovo attesissimo capitolo, che uscirà per PS4, PS5, Nintendo Switch, Xbox One e PC.

Parliamo di Hogwarts Legacy, previsto inizialmente per il 2021 e rimandato più e più volte, prima dell’annuncio ufficiale per il 10 febbraio 2023. Adesso è anche prenotabile sul sito ufficiale del gioco.

Vi abbiamo costantemente aggiornati sulle novità e continueremo a farlo fino all’uscita. Per adesso, il video più completo che esista dura 46 minuti e in esso vediamo lo sviluppo del personaggio, l’esplorazione di Hogwarts e le sequenze di combattimento.

Sembra di trovarsi di fronte a qualcosa di epocale e ovviamente speriamo che le attese vengano rispettate. Per ora, non ci resta che aspettare il prossimo febbraio.


E voi avete mai giocato ai videogiochi di Harry Potter? Qual è il vostro preferito? Vi aspettiamo nei commenti!

Commenti

Newt
Newt

Ingegnere meccanico, 29 anni, Tassorosso.

All posts
×