Categorie

Archivi

Meta

Eroi dimenticati: Arabella Doreen Figg

14 Novembre 2018 vale-long 5 min read

Eroi dimenticati: Arabella Doreen Figg

14 Novembre 2018 Caskett 5 min read

Dei tanti eroi della saga, ciò che alla Signora Figg mancava in magia, lei lo recuperava in coraggio!

Per la maggior parte dell’adolescenza di Harry, Arabella Figg è stata solo la particolare vecchia signora ossessionata dai gatti che badava a lui una volta l’anno o giù di lì. Fino all’Ordine della Fenice non si sa, invece, che la Signora Figg è molto più di una semplice vicina. In realtà lei si scopre essere la più impetuosa tra gli eroi protettori di Harry e una dei confidenti più fidati di Silente. Possiamo persino dire che senza Arabella Doreen Figg la vita di Harry avrebbe preso una brutta piega dopo l’estate 1995.

Ecco una celebrazione di tutte le cose che ha fatto e di come salvò Harry per un soffio.

Non permise all’essere una Maganò di definirla

Eroi Arabella

I Maghinò, intrappolati in un limbo tra Babbani e Maghi, erano spesso trattati come cittadini di seconda classe e affrontavano alti livelli di pregiudizio per non aver ereditato alcun tipo di magia. Sarebbe stato semplice portare rancore e dare il tormento alla comunità magica per quel tipo di maltrattamento (vedi ad esempio Argus Gazza). Ma nonostante gli insulti e i diritti storicamente limitati che vessavano sui Maghinò, Arabella Figg decise di essere una donna migliore e di schierarsi al fianco dei maghi, persino sostenendo il pericoloso incarico di vegliare sul Ragazzo Che È Sopravvissuto.

La sua consapevolezza e ribellione al marchio che circonda il suo genere appare evidente durante l’Udienza di Harry. Anche se un po’ nervosa (e chi non lo sarebbe nell’affrontare l’intero Wizengamot?), la Signora Figg espresse il suo sdegno per non essere nei registri del Ministero della Magia, continuò ad affermare di aver visto i Dissenatori e fu la sola testimone ad aiutare Harry ad essere assolto da tutte le accuse. Senza di lei (e dell’aiuto scrupoloso di Silente, ovviamente) Harry avrebbe potuto non essere autorizzato a tornare a Hogwarts o a tenere la sua bacchetta – e se questo fosse successo, chissà come sarebbe stato il ritorno di Voldemort.

«Sono una Maganò» disse la signora Figg. «Quindi non mi avete censita, vero?»
«Una Maganò, eh?» ripeté Caramell, scrutandola sospettoso. «Controlleremo. Lasci i dettagli della sua ascendenza al mio Assistente Weasley. Per inciso, i Maghinò sono in grado di vedere i Dissennatori?» aggiunse, guardando alla sua destra e poi a sinistra.
«Sì che possiamo!» esclamò la signora Figg indignata.
– Harry Potter e l’Ordine della Fenice


Fece la cosa giusta nonostante il pericolo

Eroi Figg protector

Il coraggio di Arabella Figg brillò ancora di più quando fu presente in uno dei momenti più oscuri della vita di Harry. Era da un po’ di tempo che veniva trascurato dalla comunità magica e aveva appena affrontato due Dissennatori da solo quando la Signora Figg apparve in un vicolo buio con niente a proteggerla se non una borsetta.

L’intelligente vicina ebbe la lungimiranza di far appostare il suo gatto, Mr Tibbles, sotto una macchina e andò subito a cercare Harry quando seppe che c’era qualcosa che non andava. In assenza di Mundungus Fletcher lei adempì alla promessa fatta a Silente di prendersi cura di Harry e scortò addirittura lui e Dudley fino all’ingresso dei Dursley, nel caso ci fossero stati altri Dissennatori succhia-anima in giro. È già stato detto che “non sono mai riuscita nemmeno a Trasfigurare una bustina del tè”? A proposito di coraggio, ciò la rende degna di essere annoverata tra gli eroi.


Le sue doti sotto copertura meritavano ogni lode

Eroi Figg Sotto Copertura

In quella che fu probabilmente la migliore operazione sotto copertura che il mondo magico abbia mai visto, la talentuosa Arabella Figg protesse Harry e mantenne la sua identità segreta ben nascosta per anni.

Mentre i Maghinò tendevano a seguire uno stile di vita babbano, la Signora Figg si superò adottando un’identità totalmente diversa dall’esuberante se stessa. L’abitante di Little Whinging fingeva persino di essere abbastanza terribile per Harry da spingere i Dursley a permetterle di badare a lui. Costringere Harry a guardare un numero infinito di fotografie dei suoi gatti (che a dire il vero non sembra neanche tanto male, per inciso) in una casa che puzzava di cavolo o danrgli da mangiare ciò che sarebbe stato il miglior cibo del mondo ma nelle peggiori condizioni (per esempio, una torta al cioccolato che sapeva come se l’avesse avuta da anni) furono mosse geniali, col senno di poi.

“Ordini di Silente. Io dovevo tenerti d’occhio senza dire niente, eri troppo giovane. Mi dispiace di averti offerto uno svago così deprimente, Harry, ma i Dursley non ti avrebbero mai permesso di venire se avessero creduto che ti divertivi. Non è stato facile, sai…”
– Harry Potter e l’Ordine della Fenice

Viene da chiedersi, la Signora Figg si ruppe davvero una gamba inciampando nel suo gatto nella Pietra Filosofale?


Rimase leale a Silente e all’Ordine della Fenice

Eroi Figg

Anche se sappiamo poco di Arabella Figg, la sua fiducia e il suo rispetto di Albus Silente la dicevano lunga. Dopo l’incidente con i Dissennatori pensò subito di informare Silente e dopo essersi assicurata che Harry fosse in salvo si precipitò in casa per attendere istruzioni. Chiaramente, la sua lealtà non era verso il Ministero, ma verso il capo degli eroi dell’Ordine della Fenice, del quale alla fine avrebbe pianto la morte.

C’erano parecchi indizi che la Signora Figg avesse rapporti con Silente e l’Ordine della Fenice. Per esempio alla fine del Calice di Fuoco, dopo il ritorno di Voldemort, Silente disse a Sirius di avvertire “il vecchio gruppo”, e incluse specificatamente il nome di Arabella Figg. Si fidava di lei – talmente tanto da affidarle il compito di vegliare su Harry – e non vedeva una Maganò senza poteri, bensì un’importante alleata. D’altronde, chi non vorrebbe invitare Figgy al party? Sembra fosse l’anima della festa per i nostri eroi!


Non ebbe problemi a fare a pezzi Fletcher con una borsa piena di cibo per gatti quando disertò il suo posto

Eroi Figg mena

Quando alla fine ebbe l’occasione di utilizzare come si deve la sua borsa, scoprimmo che Arabella Figg non era una che avremmo voluto ostacolare. Dobbiamo ammetterlo, avremmo voluto essere lei in quel momento, specialmente visto che le future azioni sconsiderate di Fletcher ebbero gravi conseguenze. La Signora faceva sul serio, anche indossando retina per capelli e pantofole a quadri.

Dopo tutto ciò, affermare che Arabella Doreen Figg sia stata una degli eroi del mondo magico non sembra più così azzardato! Non credete?

Commenti

Caskett

All posts
×