Categorie

Archivi

Meta

10 questioni della saga rimaste irrisolte

16 Settembre 2017 gian-sarl 6 min read

10 questioni della saga rimaste irrisolte

16 Settembre 2017 Newt 6 min read

La saga di Harry Potter si è ormai conclusa da più di dieci anni, ma ci sono ancora alcune questioni irrisolte riguardo alle quali i fan continuano a discutere.

Questo è certamente un bene, perché le “storie non raccontate” donano longevità alla saga e forniscono spunti di riflessione. Ne abbiamo selezionate dieci.

1) Che forma ha un Molliccio non trasformato?

C’è un personaggio della saga in grado di vedere un Molliccio non trasformato: si tratta di Malocchio Moody. Sappiamo che il suo occhio magico può vedere attraverso le pareti e gli altri corpi solidi, come la sua stessa testa, e persino sotto il Mantello dell’Invisibilità. A Grimmauld Place, Malocchio ha quindi potuto vedere un Molliccio rinchiuso in un armadio senza che il Molliccio vedesse lui. Probabilmente, il buon Alastor ha voluto tenere questo segreto per sé, consapevole di essere l’unico ad avere questo privilegio.


2) Qual è stato il contributo di Tosca Tassorosso a Hogwarts?

Sappiamo che ciascuno dei quattro fondatori di Hogwarts ha creato un aspetto specifico della scuola: Godric Grifondoro ha incantato il Cappello Parlante, Salazar Serpeverde ha costruito la Camera dei Segreti, mentre a Priscilla Corvonero si deve gran parte dell’architettura del castello, comprese le centoquarantadue scale, alcune delle quali incantate (a proposito, siamo sicuri che nei libri esse sono costantemente in movimento come nella saga cinematografica? Ne parliamo qui). Ma allora cosa ha aggiunto Tosca Tassorosso? Viene da pensare, viste le attitudini dei Tassorosso e la posizione della loro sala comune, che Tosca abbia costruito le cucine grazie alle quali si cibano studenti e professori di Hogwarts. C’è anche una teoria (che potete trovare qui) secondo la quale la Stanza delle Necessità sia opera di Tosca Tassorosso.


3) Come funziona la posta via gufo?

J.K. Rowling non ha mai realmente elaborato il sistema postale magico, tutto quello che sappiamo è che i gufi sono trattati come animali domestici e sono usati per trasportare lettere. Ma come raggiungono il destinatario previsto? Come vengono scritte le lettere per la magia oscura? E come ha fatto Dobby a intercettare le lettere di Harry nella Camera dei Segreti?

Sembra che i gufi siano dotati di una certa intelligenza, o comunque sono perfettamente addestrati, tanto da poter recapitare messaggi anche a distanza di chilometri, un po’ come facevano i piccioni viaggiatori, usati nell’antichità per comunicare messaggi quando non esistevano apparecchi elettronici. Probabilmente, però, nel loro addestramento, qualche magia sarà stata usata. Un passo dell’Ordine della Fenice chiarisce che non c’è nulla di “magico” nelle lettere stesse, ma che il messaggio può essere inviato semplicemente comunicando al gufo (in questo Edvige) il destinatario (in questo caso Sirius).

“È vero, fuori c’è scritto Tartufo” le disse, dandole la lettera da reggere nel becco e sussurrando senza sapere bene perché, “ma è per Sirius, d’accordo?”

Ordine della Fenice, Capitolo 15

Stanno a questo passaggio, sembrerebbe che addirittura i gufi del Mondo Magico sappiano leggere.

Sappiamo poi che altri uccelli possono essere usati per consegnare la posta poiché Sirius usa grandi uccelli tropicali quando si nasconde, in che modo anche altri animali possono trasportare posta? Sono addestrati diversamente dai gufi?


4) Come ha fatto Silente a comprare Fanny?

L’origine del rapporto tra Silente e Fanny non è del tutto chiara. Di lui (ebbene sì, si tratta di un maschio) sappiamo che ha generato le piume delle bacchette possedute da Voldemort e Harry. Forse Silente stava studiando qualcosa sui poteri di Tom Riddle e ha provato a informarsi sulla sua bacchetta, ottenendo informazioni da Olivander, il quale ricorda tutte le bacchette che ha venduto.

Questo quesito potrebbe essere risolto nei prossimi film della saga di Animali Fantastici ed è strettamente collegato a un altro mistero: quello dell’identità di Credence Barebone/Aurelius Silente. Quella di possedere una fenice è una tradizione che appartiene alla famiglia Silente già da prima della nascita di Albus, e una teoria riguardo il finale dei Crimini di Grindelwald vuole che la fenice abbia rilevato qualcosa di appartenente alla famiglia Silente (l’obscuriale di Ariana?) all’interno di Credence.


5) Come funziona la nave di Durmstrang?

Tutto quello che sappiamo della nave magica utilizzata dagli studenti di Durmstrang nel Calice di Fuoco è che sorge fuori dalle profondità del lago con tutti i suoi studenti a bordo. Viktor Krum, alla fine del libro, ci svela un retroscena riguardante il (non) contributo di Igor Karkaroff nel pilotare la nave:

“Karkaroff gofernafa un bel niente” disse una voce burbera. “Stava in sua cabina e faceva laforare noi”. Krum era venuto a dire addio a Hermione.

Calice di Fuoco, Capitolo 37

È evidente che per “lavorare” Krum intendeva “usare gli incantesimi che permettono alla nave di viaggiare”. Ma quali sono precisamente? E come ha fatto la nave ad apparire nel Lago Nero e poi a sparire alla fine dell’anno?


6) Dove sono le altre scuole di magia durante la Guerra Magica?

L’estensione dell’influenza di Voldemort sul Mondo Magico non è molto chiara. Sappiamo che la sua mania era quella di conquistare l’intero Mondo Magico e di “purificarlo” dal sangue babbano e la presenza di Karkaroff tra gli ex-Mangiamorte dimostra che Tom non si era fermato alle Isole Britanniche. Ma allora perché non sono arrivati rinforzi dagli altri Paesi? In particolare, Fleur Delacour era perfettamente al corrente della situazione e avrebbe potuto avvertire Madame Maxime.


7) Come ha fatto il Basilisco a muoversi nelle tubature?

Una domanda che dovrebbe sorgere spontanea osservando la mole del Basilisco. Come ha fatto a spostarsi nelle tubature? Probabilmente poteva restringersi a piacimento, magari allungandosi, ma questo non è mai stato chiarito del tutto. Si tratta sicuramente di una creatura molto potente e in grado di vivere per mille anni, quindi non ci stupirebbe se fosse in grado di modificare il proprio corpo o, al contrario, di allargare i tubi per riuscire ad attraversarli.


8) Cosa fanno i bambini maghi fino agli 11 anni?

Sappiamo tutti che i giovani maghi inglesi e irlandesi, una volta compiuti 11 anni, studiano alla Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts. Ma prima di raggiungere quel traguardo cosa fanno? Dove imparano a leggere, a scrivere e a svolgere i calcoli elementari? È probabile che frequentino le scuole babbane, anche perché non tutti i figli di maghi diventano maghi a loro volta e non sempre la magia si rivela nei primi anni di età (pensiamo ad esempio a Neville, che per tanto tempo ha temuto di essere un Magonò). I maghi Purosangue, però, sembraro ignorare quasi del tutto alcune abitudini babbane, tanto che Ron viene a conoscenza di molto aspetti del nostro mondo da Harry e Hermione, come se tra i Babbani lui non fosse mai stato. Viene quindi da pensare che vengano istruiti a casa dai genitori, ma di certo non deve essere un compito facile per i genitori con tanti figli (qualcuno ha detto i Weasley?).


9) Perché Albus Silente non ha usato una Giratempo per sbarazzarsi di Voldemort?

Probabilmente la spiegazione è da ricercare nei paradossi spazio-temporali che si creerebbero viaggiando nel passato. Un esempio è quello del paradosso del nonno. Se un uomo viaggia nel passato e ammazza suo nonno da giovane, tutta la discendenza di quest’ultimo non potrebbe nascere, quindi il viaggiatore sparirebbe, come se non fosse mai esistito. Ma allora non avrebbe potuto uccidere il nonno! L’unico viaggio nel tempo presente nella saga principale, quello di Harry e Hermione nel Prigioniero di Azkaban, avviene però senza alterare lo svolgersi degli eventi. Se volete approfondire, vi rimando a quest’articolo.


10) Perché non usare il Veritaserum con i Mangiamorte?

Questa è una questione che spesso attanaglia i fan della saga, secondo i quali nel Mondo Magico ci sia stata ben poca giustizia negli anni precedenti alla sconfitta di Voldemort. C’erano dei Mangiamorte a piede libero, e al contrario un innocente come Sirius Black ha dovuto marcire per dodici anni ad Azkaban e per altri due in clandestinità. Ciò fa riflettere, considerando che i maghi hanno strumenti molto potenti a disposizione, come il Veritaserum. Sappiamo che Sirius fu mandato ad Azkaban senza un processo da Bartemius Crouch Senior, noto per la sua linea dura. Ma se qualcuno gli avesse somministrato del Veritaserum egli avrebbe certamente evitato la condanna, così come alcuni veri Mangiamorte non l’avrebbero fatta franca.


Probabilmente ci saranno altri quesiti irrisolti che attanagliano le vostre menti: scriveteli nei commenti!

Commenti

Newt

Ingegnere meccanico, 28 anni, Tassorosso.

All posts
×