Categorie

Archivi

Meta

Le ragioni per cui Remus Lupin è il migliore dei Malandrini

18 Giugno 2017 sere-savo 4 min read

Le ragioni per cui Remus Lupin è il migliore dei Malandrini

18 Giugno 2017 Rose 4 min read

Remus Lupin sarà pure il più riservato dei Malandrini, ma ecco perché è un vero eroe.

James Potter e Sirius Black sono tra i preferiti degli appassionati nel mondo di Harry Potter. La loro sicurezza e lo spirito di ribellione li hanno spesso resi protagonisti dei sogni dei fan su come fosse la vita ad Hogwarts prima del tempo di Harry.

Remus è sempre stato sottovalutato. E’ più riservato, studioso e silenzioso di James o Sirius, ma ecco perché dovrebbe essere considerato il migliore tra i Malandrini.


1. È gentile nell’animo

Nel film del Prigioniero di Azkaban (2004), Remus confida a Harry che sua madre Lily era una persona gentile e fuori dal comune, ma lo stesso si può dire anche di lui.

Più e più volte, Remus dimostra la sua natura riflessiva e compassionevole. Durante una delle sue prime lezioni come insegnante di Difesa contro le Arti Oscure, Piton non può fare a meno di fare un’osservazione dispregiativa e crudele su Neville Paciock. Remus difende Neville a spada tratta, lasciando Piton senza parole.

Remus è sempre dalla parte degli emarginati. Sarà forse per il lupo in lui; sono animali che vivono in branco, dopotutto.

2. Sa bene cosa vuol dire essere un emarginato

Quando era bambino, Remus si spostava costantemente con i suoi genitori Lyall e Hope, senza restare in un posto per troppo tempo. Dopo l’attacco, e le sue trasformazioni mensili che diventavano sempre più pericolose, la famiglia ha fatto di tutto per proteggere il loro giovane figlio, e questo comprendeva anche non lasciare che nessuno si avvicinasse a lui.

Quando Remus è stato invitato a Hogwarts, ha scoperto per la prima volta cosa significasse avere degli amici. Tuttavia, Remus non ha mai dimenticato come fosse essere soli, e ha sempre mostrato più simpatia nei confronti degli emarginati rispetto a James o Sirius.

Mentre James e Sirius si divertivano a tormentare Severus Piton durante gli anni di scuola, Remus evitava unirsi ai suoi amici durante gli atti di bullismo. Silente ha persino nominato Remus Prefetto di Grifondoro, probabilmente nella speranza che potesse avere più controllo sui suoi amici. Nonostante questo non sia accaduto, resta la prova del forte senso di giusto e sbagliato di Remus, che non gli ha mai permesso di accettare totalmente il comportamento dei loro amici.

3. Crede nelle seconde possibilità

Quando l’Ordine della Fenice viene rifondato nel quinto libro, le vecchie ferite del passato si riaprono. Sirius e Piton, che si odiavano da giovani, si confrontano spesso con ostilità. La stima che gli altri hanno di Piton non viene migliorata, per ovvie ragioni, dal fatto che gli altri membri dell’Ordine sono consapevoli che lui in passato ha supportato Voldemort.
Remus, pur essendo a conoscenza dei suoi diverbi con James e Sirius, offre a Piton un’altra possibilità. Sa che le persone possono cambiare e crede nelle seconde opportunità, indipendentemente da chi siano o cosa abbiano fatto in passato. L’influenza di Silente è lampante. Proprio lui aveva invitato Remus a Hogwarts come studente, nonostante la sua licantropia.

4. Sprona gli altri a fare del loro meglio

Remus ha molti talenti. Ha ricevuto voti eccellenti durante gli anni a Hogwarts, è stato nominato Prefetto, ha collaborato alla Mappa del Malandrino e riesce a produrre un Patronus completo.

Ma, oltre ad essere un mago talentuoso, una delle abilità migliori di Remus è aiutare gli altri a far uscire fuori tutto il loro potenziale. È considerato dagli studenti il miglior professore di Difesa contro le Arti Oscure. Dopo le lezioni con Lupin, Harry è in grado di lanciare incantesimi piuttosto avanzati. I suoi insegnamenti escono fuori anche durante le lezioni dell’Esercito di Silente. Sarebbe riuscito a diventare Auror senza l’influenza di Lupin?

Bisogna menzionare che l’esame finale che Remus prepara per i suoi studenti è un percorso ad ostacoli. 10+ professor Lupin, o meglio, Eccezionale!

5. Farebbe di tutto per proteggere chi ama

Quando Remus decide di combattere nella Battaglia di Hogwarts nei Doni della Morte, è perché vuole creare un futuro migliore per la sua famiglia. Vuole proteggere sua moglie e suo figlio da un mondo in cui Voldemort salirebbe al potere.

Quando Harry usa la Pietra della Resurrezione, Remus appare tra i suoi cari. Gli parla di suo figlio neonato, e gli dice “Mi dispiace perché non lo conoscerò mai… ma lui saprà perché sono morto, e spero che capirà. Stavo lottando per un mondo in cui lui potesse vivere una vita più felice”.

6. Ha lo spirito tipico dei Malandrini

Si potrebbe pensare a James e Sirius come i più affascinanti e intraprendenti tra i Malandrini, ma Remus è arguto allo stesso modo. Quando Piton becca Harry a girovagare per il castello con la Mappa del Malandrino nel terzo libro, cerca di farsi rivelare i suoi segreti. In risposta, la Mappa insulta Piton usando le parole di Remus, che sono più sfacciate rispetto a quanto ci si possa aspettare da lui. “Il signor Lunastorta porge i suoi ossequi al professor Piton e gli prega di tenere il suo naso mostruosamente lungo lontano dagli affari altrui.”

E non dimentichiamo quella volta in cui Remus ha risposto agli insulti di Pix lanciandogli un una gomma da masticare su per il naso!

7. Porta sempre con sé un pezzo di cioccolata.

Infine, Remus è quel tipo di insegnante che porta con sé una barretta di cioccolata, in caso qualcuno dei suoi studenti ne avesse bisogno. Un’altra ragione per cui è semplicemente il migliore.

(fonte)

Leggi anche:

Ecco il film fan-made “Severus Piton e i Malandrini”
A proposito dei Malandrini: dieci punti irrisolti

Commenti

×