Categorie

Archivi

Meta

Come nasce Hermione nera & altre bugie!

21 Dicembre 2015 mari-gard 3 min read

Come nasce Hermione nera & altre bugie!

21 Dicembre 2015 Luna 3 min read

Sappiamo tutti quanti che J.K. Rowling non ha peli sulla lingua e, più di una volta, ha espresso pareri o commenti fuori luogo. Il più famoso – quello che ci ha fatto perdere un bel po’ di fiducia nei suoi confronti – riguarda la scelta di un’attrice di colore per Hermione nello spettacolo teatrale The Cursed Child.

Una volta annunciato il casting di Hermione, i fan della saga sono letteralmente impazziti. Nessuno voleva accettare l’attrice Noma Dumezweni, già vincitrice di un Olivier Award (importante riconoscimento relativo al mondo teatrale britannico che Dumezweni ha pure vinto per la seconda volta proprio grazie a TCC), solo perché donna di colore. Sappiamo benissimo che il teatro è un mondo totalmente diverso dal cinema, e l’etnia è solitamente un fattore che passa in secondo piano. La Rowling poteva dire queste parole, ma ha scelto di scrivere questa grandissima cazz-cavolata:

“Canon: occhi marroni, capelli crespi e molto intelligente. La pelle bianca non è mai stata specificata. La Rowling ama Hermione nera.”

Alanna Bennett e Hermione nera

Una nostra lettrice ha posto all’attenzione un popolarissimo articolo di Buzzfeed che in Inghilterra ha riscosso molto successo. L’autrice è una nostra coetanea, Alanna Bennett, e potete leggerlo cliccando QUI. Parla della sua esperienza come ragazza nera che racconta di avere difficoltà nell’identificarsi con Hermione, nonostante tantissimi (iniziali) punti in comune.

Entrambe sono state discriminate per qualcosa, chi per la provenienza (“Sporca Mezzosangue!”) chi per il colore della pelle (e gli epiteti li conosciamo bene). Alanna racconta però di come il personaggio della strega si sia evoluto anno dopo anno, allontanandosi dall’immaginario collettivo della ragazza discriminata: Hermione non aveva più i capelli crespi, non più i dentoni, mentre le persone di colore possono fare ben poco per i loro capelli.

Leggendo questo articolo, l’idea di una Hermione nera acquista subito un senso. All’epoca del primo film avrebbe anche offerto un servizio importante alla comunità nera, perché solo ultimamente il cinema ha permesso loro di interpretare ruoli per i quali, anni fa, erano esclusi a priori.

A detta di molti è stato proprio grazie a questo articolo se a interpretare Hermione sia stata scelta una donna nera. Potrebbe essere vero come potrebbe non esserlo… Ma oggi vi dirò perché a noi non interessa.


Le giustificazioni non richieste

Se la giustificazione a questa scelta fosse stata: “È stata scelta una donna nera per permettere a tutti, ma proprio tutti, di identificarsi con Hermione” avremmo alzato le mani e detto: “Ok!”. Magari non saremmo stati ancora del tutto convinti (perché molti si aspettavano che un ottavo capitolo avesse quantomeno una continuità grafica con gli altri sette) ma avremmo apprezzato sicuramente il motivo. Questo non solo non è avvenuto, ma il messaggio trasmesso è il seguente: Non ho mai detto che Hermione fosse bianca“.

È la verità? Ovviamente no.

Nei libri più volte si parla del pallore di Hermione, della sua carnagione leggermente abbronzata dopo le vacanze, del modo in cui i suoi zigomi risultavano leggermente rosati. A quel punto non ci serve di certo leggere “Hermione è bianca!”

Quindi J.K. Rowling dopo tantissimi messaggi di ringraziamento sulla lealtà dei propri lettori… ha fatto venire meno la sua lealtà come autrice. Ognuno di noi si sarebbe aspettato un minimo di onestà intellettuale nel giustificare una scelta che ha dato tantissima popolarità a questo capitolo teatrale.

Altro fatto importante: nell’immagine che presentava i tre attori senza rivelare i loro volti, l’attrice di Hermione è l’unica coperta da capo a piedi e con addirittura le mani dietro la schiena. Sarà un caso? La risposta, anche qui, è no. La società puntava allo choc dei lettori e alla diffusione virale della notizia sfruttando, ed è gravissimo, l’etnia dell’attrice. Quindi, giustificare tutto questo con “Non ho mai detto che Hermione fosse bianca” è chiaramente una bugia, oltre che poco corretto.


Il nostro messaggio alla Rowling

Questa volta vogliamo rivolgerci direttamente alla Rowling: mentire ai lettori che ti hanno dato così tanto… non è carino.

Noi ti perdoniamo tutto, proprio tutto, ma se fai una scelta di “rottura” con gli schemi della saga che noi tutti conosciamo (quindi non si parla solo dell’attrice nera), almeno sii onesta nel spiegarne i motivi, che siano commerciali o meno.

Ma voi, siete d’accordo?

Commenti

Luna

Se metti buona volontà il mondo tutto ti darà. Però se tu non rischierai... Nulla mai rosicherai.

All posts
×