Categorie

Archivi

Meta

Ecco come prendono vita alcune Creature Magiche della Saga

8 Maggio 2021 alic-albe 3 min read
creature magiche, saga

Ecco come prendono vita alcune Creature Magiche della Saga

8 Maggio 2021 Edvige 3 min read

Per rendere un fantasy un vero e proprio successo cinematografico, assume grande importanza l’efficacia degli effetti speciali e le modalità utilizzate per la riproduzione dei contenuti fantastici. La Saga di Harry Potter è un esempio lampante di fantasy di successo, in quanto pullula di Creature Magiche e scene tutt’altro che reali.

Nella rappresentazione cinematografica della Saga di J.K. Rowling, gli effetti speciali non hanno affatto un ruolo di contorno. Questi sono spesso il fuoco della scena, facendo sì che gli occhi del pubblico restino incollati allo schermo dall’inizio alla fine del film.

Nonostante il successo della Saga letteraria, i primi due film di Chris Columbus avevano a disposizione un budget piuttosto “basso” con il quale – grazie alla creatività e all’ingegno degli effettisti – si è comunque riusciti a portare in Sala dei Capolavori. In questo articolo parleremo di come sono state portate in vita alcune Creature Magiche protagoniste della Saga dagli incassi miliardari.

Se volete sapere come hanno realizzato il Basilisco sul set, leggete questo articolo dedicato al Re dei serpenti!

Aragog

In Harry Potter e la Camera dei Segreti vediamo il protagonista e il suo fedele compagno – tutt’altro che coraggioso – Ron, alle prese con una più che numerosa famiglia di ragni. Il capo famiglia Aragog (un’acromantula delle dimensioni di un piccolo elefante) fu una tra le varie “docili creature” appartenenti al custode Rubeus Hagrid durante la storia. Per i bambini e gli aracnofobici si tratta probabilmente della creatura più spaventosa dell’intera Saga.

Aragog nasce dal designer di effetti creature e trucco Nick Dudman con la collaborazione del designer di produzione Stuart Craig. Il mostro misura più di cinque metri da zampa a zampa, infatti occorrevano ben quindici persone per riuscire a manovrarlo sul set. I peli del suo corpo sono stati realizzati con diversi materiali (noce di cocco, setole di scopa e piume) e poi applicati a mano uno per uno con l’utilizzo di un ago speciale.

Dietro le quinte, i disegnatori realizzarono due strutture diverse del grande ragno: una da vivo e una da morto. Il materiale scelto per costruire Aragog fu il poliuretano così da mantenere il realismo pur assicurandone la leggerezza.

Aragog, creature magiche saga

Fierobecco

Fierobecco è senz’altro una delle Creature Magiche più amate dal pubblico, sia per il suo affascinante aspetto che per l’importante ruolo che riveste nella Saga.

L’Ippogrifo arriva sul set per le riprese di Harry Potter e il Prigioniero di Azkaban, qui crearono tre versioni in animatronica e in scala reale, in base alla posizione assunta dall’animale. Per il profilo della Creatura, i disegnatori si sono ispirati all’aquila reale consultando veterinari e fisiologi per le proporzioni e i dettagli del personaggio.

La squadra di effetti delle creature si è occupata poi di incollare una per una le piume su Fierobecco, durante la creazione dei modelli. È curioso pensare che le tre versioni in scala reale, accurate nel minimo dettaglio, non vennero poi effettivamente utilizzate in scena. Difatti, il reparto degli effetti visivi scannerizzò i tre Ippogrifi e ne realizzò una perfetta versione in CGI (Computer-Generated Imagery).

Fierobecco, creature magiche

Goblin

Tra le Creature Magiche di maggior rilievo non possono mancare i Folletti, Banchieri della Gringott ma non solo, presenti in molte scene di Harry Potter.

Anche qui c’è lo zampino del designer di effetti creature e trucco Nick Dudman, il quale con il suo team, si è divertito a rendere unico ogni Goblin, caratterizzandolo attraverso il mento piuttosto che il naso o le orecchie. Pensate che in Harry Potter e i Doni della Morte – Parte 2 c’è stato bisogno di 140 truccatori da tutta l’Europa per trasformare 60 attori in Folletti.

Le protesi utilizzate in scena, una volta tolte non potevano essere utilizzate di nuovo, così da dover creare più modelli dello stesso Goblin per ogni giorno di riprese.

Goblin, creature magiche saga

Dissennatori

Torniamo nel campo delle Creature Magiche spaventose con i Dissennatori. In questo caso parliamo di creature semiumane, il cui movimento ricorda quello di un fantasma.

Industrial Light And Magic si è occupata della realizzazione di queste creature adottando un sistema ibrido. Il movimento lento e spettrale, tipico dei Dissennatori, è stato messo in scena tramite le immagini di un pupazzo filmato sott’acqua. A queste riprese si aggiunsero poi delle vesti cupe e spettrali – con un software di animazione per vestiti – accordandone i movimenti a quelli in slow-motion del fantoccio sott’acqua.

Dissennatori, creature magiche

Che ne pensate? Eravate a conoscenza del duro lavoro celato dietro ad una semplice scena di un film? Scrivetecelo nei commenti!

Fonte: Warner Bros. Studio Tour London

Commenti

Edvige

All posts
×