Categorie

Archivi

Meta

Come ha fatto Jacob Kowalski ad andare a Hogwarts?

13 Febbraio 2022 gian-sarl 7 min read

Come ha fatto Jacob Kowalski ad andare a Hogwarts?

13 Febbraio 2022 Newt 7 min read

Nel trailer di Animali Fantastici: i Segreti di Silente vediamo delle scene ambientate in un posto che ormai conosciamo come le nostre tasche, ovvero la Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts. La sorpresa, però, è che in queste scene compare un personaggio che mai avremmo sospettato che potesse anche solo vedere il castello. Si tratta ovviamente di Jacob Kowalski, che come se non bastasse compare persino in possesso di una bacchetta.

Cerchiamo di capire come tutto questo sia possibile senza contraddire il canone stabilito dalla Rowling nella serie principale dei libri di Harry Potter, tenendo ovviamente conto che si tratta soltanto di teorie e supposizioni. Dovremo aspettare il 13 aprile per avere la risposta definitiva.

Un Babbano può “diventare” un mago?

Sappiamo benissimo che non è possibile per i Babbani, o No-Mag per dirla all’americana, diventare maghi. Ne è un esempio la storia (per certi versi tragica, anche se il personaggio rimane odioso) di zia Petunia, che aveva supplicato Silente di accettarla a Hogwarts, ricevendo un secco rifiuto.

Stiamo parlando di Albus Silente, uno dei maghi più potenti della storia, quindi se anche lui non ha potuto fare nulla, e non conosceva nessuno che potesse farlo, possiamo essere certi che si tratta di qualcosa che non è assolutamente possibile.

Tra l’altro, Silente si sarebbe impegnato al massimo se ci fosse stata anche solo una possibilità: conosciamo infatti le sue idee, secondo le quali tutti hanno il diritto di studiare a Hogwarts. Infatti, proprio nello stesso anno in cui Lily ha iniziato gli studi e Petunia avrebbe voluto seguirla, a Hogwarts è arrivato un lupo mannaro, Remus Lupin, con tanto di sistemi di sicurezza installati dallo stesso Silente (il Platano Picchiatore).

Quindi possiamo affermare al 100% che per la giovane Petunia non c’era nulla da fare. Jacob deve quindi avere qualcosa di “speciale”, come una discendenza magica, o essere suo malgrado parte di un piano per incastrare Grindelwald.


I Babbani possono vedere Hogwarts?

Nel Calice di Fuoco Hermione spiega a Harry e Ron che i Babbani, se si avvicinassero a Hogwarts, vedrebbero soltanto un ammasso di rovine. Jacob però è fisicamente presente, seduto al tavolo con i suoi “compagni di classe”. Mangia, ride e scherza con loro, quindi sarebbe assurdo pensare che lui non stia vedendo tutto ciò che c’è intorno.

Non sarebbe però l’unico Babbano a vedere Hogwarts, seppure il suo status di Babbano venisse confermato. Un passo della Camera dei Segreti ci fa pensare che in un caso di emergenza si può permettere a un Babbano di visitare Hogwarts. È ciò che accade ai signori Warren, i genitori di Mirtilla Malcontenta. Essi erano indubbiamente Babbani altrimenti il Basilisco non avrebbe colpito la giovane Corvonero.

“Coraggio, Rubeus” disse Riddle avvicinandosi. “I genitori della ragazza morta saranno qui domani.”

Camera dei Segreti, Capitolo 13

L’incantesimo che non permette ai Babbani di vedere Hogwarts può essere quindi in qualche modo “rimosso”. Non sappiamo chi era il Preside di Hogwarts ai tempi di Animali Fantastici, ma potrebbe essere stato proprio Armando Dippet, proprio come in quel tragico giorno del 1943, che quindi sapeva come eliminare temporaneamente quell’incantesimo.


Jacob è davvero un Babbano?

A dire la verità, noi non conosciamo proprio nulla sulle origini di Jacob. Sappiamo che è nato in Polonia nell’anno 1900 ed è emigrato in America, ma non sappiamo chi siano i suoi genitori o i suoi avi. Si fa quindi strada la teoria secondo cui Jacob sia un Magonò. Questo spiegherebbe, a posteriori, alcune scene dei primi due film di Animali Fantastici. Jacob “vede” il Mondo Magico e le sue creature, e tra l’altro non dimentica nulla nel momento in cui viene Obliviato.

Potrebbe anche trattarsi di un late bloomer, ossia di un mago “sbocciato tardi”. Ne è un esempio il protagonista di Hogwarts Legacy, il videogioco atteso per il 2022 in cui potremo appunto impersonare un mago adulto che frequenta la Scuola di Magia come una sorta di fuoricorso.

Secondo una teoria apparsa in rete nel 2018, quindi ancora prima del trailer dei Segreti di Silente, Jacob sarebbe ignaro di possedere un altissimo lignaggio. Egli sarebbe infatti l’erede di Tassorosso, un discendente diretto di Tosca imparentato con Hepzibah Smith (e probabilmente con il Tassorosso più impopolare in assoluto: Zacharias Smith). Il motivo è che il cognome inglese Smith e quello polacco Kowalski hanno la stessa etimologia, derivante dal mestiere del fabbro.

Nella scena del trailer lo vediamo al tavolo dei Corvonero, ma si tratta di un personaggio che presenta tutte le caratteristiche dei Tassorosso.

C’è un problema non da poco: questa teoria non soltanto rovinerebbe uno dei personaggi più affascinanti mai creati dalla Rowling, ma distruggerebbe tutta la morale di Animali Fantastici e anche di Harry Potter. La specialità di Jacob è proprio quella di essere un Babbano che ama la “diversità”. Lui accetta che ci sono persone con dei poteri che inizialmente reputa “strani” e si innamora di una di loro. Ne abbiamo parlato in quest’articolo.

Se Jacob fosse un mago e se fosse quello il motivo per il quale non ha dimenticato Queenie, andremmo a perdere il messaggio principale di tutta l’opera della Rowling. Silente ci insegna già dalla Pietra Filosofale che l’amore è la più potente tra tutte le magie.

Si può ancora credere che un Babbano sia stato in qualche modo decisivo per la cattura di Grindelwald? Sarebbe uno smacco terribile per il più grande Mago Oscuro del primo Novecento, che predicava il dominio dei maghi sui Babbani. La risposta è sì: Jacob potrebbe essere arrivato a Hogwarts proprio perché parte di questo piano.


Il piano di Albus Silente

Dal trailer conosciamo una sola informazione certa: dietro tutto questo c’è Silente. Sappiamo che, per quanto le sue mosse si rivelano sempre vincenti e finalizzate a ciò che lui stesso chiama bene superiore, Albus è un vero e proprio calcolatore. Jacob, suo malgrado, potrebbe essere solo una delle tante pedine sulla scacchiera che Silente intende manovrare per catturare Grindelwald.

Anche se all’epoca era “soltanto” un insegnante di Difesa contro le Arti Oscure, sappiamo bene quanto si stesse impegnando nella lotta contro il suo regime. Lo vediamo perfettamente nel secondo film. Con ogni probabilità, Newt e Silente hanno avuto un colloquio in cui il futuro Preside di Hogwarts ha chiesto al Magizoologo chi altri avrebbe potuto aiutarli nella missione.

Newt deve avergli esposto la situazione, dicendo che aveva stretto amicizia con un Babbano e probabilmente anche della questione di Queenie. A quel punto Silente ha deciso di fornire una bacchetta a Jacob. I motivi per cui l’ha fatto possono essere molteplici. Vediamo quali sono i più probabili.


Jacob doveva custodire quella bacchetta

Un’altra teoria che potrebbe venire in mente è che quella non è una bacchetta qualunque. Non si tratta di una bacchetta che, come direbbe Olivander, ha “scelto” Jacob come suo proprietario, né lui l’ha in qualche modo vinta. Silente gliel’ha data a lui in modo che la custodisse (eh no, il caro Hagrid, al quale Silente avrebbe affidato la sua stessa vita, era solo un bambino all’epoca).

Doveva infatti darla a una persona che Grindelwald non sarebbe mai andata a cercare. Chi meglio di un Babbano? A questo punto viene da chiedersi quale sia questa bacchetta. La teoria al momento più accreditata vuole che si tratti della bacchetta originaria di Grindelwald, che al momento della storia è saldamente in possesso della Bacchetta di Sambuco.

Anche questa teoria ha una grossa falla al suo interno: se Grindelwald avesse trovato Jacob, lui non avrebbe avuto la minima possibilità di difendersi vista l’assenza di poteri. Certo, la stessa cosa sarebbe successa a chiunque dato che Grindelwald poteva sconfiggere tutti essendo uno dei maghi più potenti al mondo, ma perché non dare al malcapitato una seppur minima probabilità di sopravvivere?


Jacob doveva far finta di essere un mago

Per partecipare alla missione che avrebbe poi portato alla cattura di Grindelwald, Jacob doveva possedere una bacchetta per risultare più “credibile”. Non solo, lui aveva bisogno di conoscere le regole di base che governano la magia. Ha quindi partecipato a una sorta di “corso accelerato” di teoria a Hogwarts, al quale per l’occasione ha partecipato anche Newt, che da quella scuola era stato espulso.

La motivazione potrebbe essere legata ai rigidi controlli ai quali ci immaginiamo che dovrà sottostare per entrare nella parte magica di Berlino ai tempi in cui nella Germania “babbana” vigeva il Terzo Reich, il regime di Adolf Hitler.

Può anche darsi che Queenie, per qualche motivo, è tornata dalla parte di Silente ma continua a far finta di essere fedele a Grindelwald, diventando una sorta di “Piton di Animali Fantastici”.

In tal caso, Jacob dovrà a sua volta fingere di essere vicino alle idee di Grindelwald. Ha bisogno di “travestirsi” da mago per essere più credibile. Questa teoria trova conferma nel fatto che, come potete leggere nel paragrafo “After Paris” della sua biografia, a un certo punto Jacob incontrerà Grindelwald ed è proprio il suo interprete Dan Fogler a confermarlo.

Probabilmente, quella bacchetta è anche stata “modificata” (o ne è stato aggiunto un altro dispositivo magico) in modo da poter emettere incantesimi a comando o da poter essere “attivata” da qualcun altro a distanza. Silente potrebbe davvero essere in grado di fare una cosa del genere.


E se quella persona non fosse Jacob?

C’è un’altra opzione da considerare. Chi ci dice che quella persona era davvero Jacob Kowalski? Se ci fosse di mezzo una Pozione Polisucco? Possiamo persino immaginare che Jacob fosse consapevole del piano. Avrebbe quindi acconsentito a questa trasformazione donando un suo capello.

Sappiamo che la trasformazione in un Babbano è possibile e non comporta effetti collaterali particolari: ad esempio, Harry si trasforma nel sedicente “Barny Weasley” per andare al matrimonio di Bill e Fleur tramite dei capelli che Fred e George hanno staccato da un Babbano.

In questo caso, probabilmente colui che riceve la bacchetta da Newt è proprio Jacob Kowalski in carne e ossa. La persona che vediamo a Hogwarts, invece, ha usato la Pozione Polisucco per prenderne le sembianze.

A Jacob serviva qualche sorta di “diploma” (o semplicemente qualcosa che attestasse che lui è stato a Hogwarts) e ha mandato qualcuno al suo posto. In questo caso, Silente potrebbe addirittura avere agito all’oscuro di Dippet (o di chiunque fosse il Preside a quell’epoca).


Quale di queste teorie vi sembra la più plausibile? Ovviamente, è probabile che la vostra mente vi abbia suggerito una teoria diversa. Aspettiamo i vostri commenti!

Commenti

Newt
Newt

Ingegnere meccanico, 29 anni, Tassorosso.

All posts
×