Categorie

Archivi

Meta

Ma che fine hanno fatto i protagonisti della Pietra Filosofale?

8 Agosto 2019 gian-sarl 7 min read

Ma che fine hanno fatto i protagonisti della Pietra Filosofale?

8 Agosto 2019 Newt 7 min read

Nicolas Flamel, Fuffi, il professor Raptor, lo Specchio delle Brame… se non avete riletto o rivisto recentemente la Pietra Filosofale tutti questi nomi vi provocheranno un grande senso di nostalgia.

La maggior parte di questi personaggi e oggetti, infatti, di fatto scompaiono dalla storia, se escludiamo alcune brevi e fugaci apparizioni. Altri, come Norberto, tornano invece in grande stile.

Vediamo nel dettaglio cosa accade a questi personaggi, oggetti e luoghi dopo gli eventi del primo libro.


Norberto/a

Norberto, il Dorsorugoso di Norvegia allevato da Hagrid e poi consegnato agli amici di Charlie Weasley, farà un ritorno in maniera del tutto inaspettata nell’ultimo libro. In questa scena, ignorata nel film, Charlie spiega che in realtà si tratta di una femmina e che quindi è stata ribattezzata come… Norberta! Il drago viene menzionato altre volte nel corso della saga, in particolare nel terzo libro, in una scena struggente in cui Hagrid ricorda il suo periodo di detenzione ad Azkaban. I Dissennatori rievocavano nella mente del Mezzogigante i suoi peggiori ricordi, tra cui figurava il momento della sua separazione da Norberto.


Fiorenzo e il branco di centauri

Dopo il salvataggio di Harry dalla Foresta Proibita, i centauri quasi scompaiono dai film della serie, facendo solo una breve apparizione nel quinto film, dove non viene mostrato che Fiorenzo ottiene la cattedra di Divinazione dopo il licenziamento della professoressa Cooman da parte della Umbridge. Il Ronzino, come ama chiamarlo la Cooman, combatte durante la Battaglia di Hogwarts contro Voldemort e i Mangiamorte e, una volta ferito, ritorna nel suo branco, dove viene accusato di tradimento avendo aiutato degli umani.


Il rospo Oscar

Anche qui parliamo di un personaggio che solo i film dimenticano. In quelli successivi al primo le sue apparizioni sono parecchio ridotte, ma nei libri continua ad accompagnare Neville nelle sue avventure, o meglio continua a scappare da lui. Nel Calice di Fuoco Harry se ne serve anche come bersaglio per l’Incantesimo di Appello. La sua ultima apparizione risale al Principe Mezzosangue. Non sappiamo, quindi, se ha assistito all’atto di grande coraggio del suo padrone nella battaglia finale contro Voldemort. La Rowling ha poi fatto sapere che finalmente riuscirà a scappare nel lago, per la felicità sia sua che di Neville. Ha anche smentito una bizzarra teoria che voleva che Oscar non fosse altro che lo zio di Neville, Algie, trasformato e che dunque quest’ultimo sarebbe stato un Animagus.


La Ricordella

Dopo essere stata il primo oggetto raccolto in volo da Harry, per anni non si hanno notizie di questo particolare oggetto che avvisava Neville ogni volta che aveva perso o dimenticato qualcosa. Nell’Ordine della Fenice, durante il viaggio per Hogwarts, scopriamo che… Neville ha perso anche quella!


La prima squadra di Serpeverde affrontata da Harry

A proposito di volo, sappiamo tutti che il primo Boccino d’Oro catturato da Harry si rivela fondamentale nell’ultimo libro, quando scopriamo che all’interno conteneva la Pietra della Resurrezione. Ma riavvolgiamo il nastro e concentriamoci su quella partita. Harry e compagni affrontano i Cacciatori Adrian Pucey e Marcus Flint (il capitano) che continuano ad essere nella squadra fino al Prigioniero di Azkaban, poi evidentemente finiscono i loro anni a Hogwarts, mentre il portiere Miles Bletchley continuerà a difendere gli anelli fino all’Ordine della Fenice. Il Cercatore Terence Higgs, invece, cadrà nel dimenticatoio dato che l’anno successivo Draco Malfoy compr… ehm, conquisterà il posto da titolare come Cercatore di Serpeverde.


Nicolas Flamel

Su questo Silente era stato chiaro: con la Pietra Filosofale distrutta, Flamel sarebbe morto, anche se disponeva di una quantità di Elisir sufficiente a sistemare i suoi ultimi affari. La Rowling, infatti, ha affermato che Nicolas è già passato a miglior vita prima degli eventi del Principe Mezzosangue. Nei Doni della Morte scopriamo che la sua corrispondenza con Silente cominciò poco dopo gli anni di quest’ultimo a Hogwarts e lo ritroviamo anche in Animali Fantastici: i Crimini di Grindelwald, dove prevede l’arrivo del mago oscuro tramite una sfera di cristallo.


Quirinus Raptor

Anche qui direi che non si avevano dubbi. Il professor Raptor muore dopo la sua battaglia con Harry per il possesso della Pietra Filosofale. Cade dunque vittima della maledizione della cattedra di Difesa contro le Arti Oscure. Silente evita guai peggiori per Harry e, al momento della morte di Raptor, il ragazzo è privo di sensi, quindi non potrà ancora vedere i Thestral fino alla morte di Cedric. Quattro anni dopo, la Umbridge afferma che Raptor sarebbe stato l’unico a passare l’inquisizione tra i precedenti insegnanti della materia. Harry, che aveva ribattuto raccontandole la storia di Voldemort dietro il suo turbante, si becca una settimana di punizione. Nei Doni della Morte viene poi confermato che Piton doveva “tenere d’occhio Raptor” per ordine di Silente, in uno dei tanti ricordi che lo stesso Piton passa a Harry.

ultime parole

Fuffi e il corridoio del terzo piano

Come dimenticare il cane a tre teste, ispirato al mitologico Cerbero, che fa la guardia alla Pietra Filosofale? Nei libri non riappare più. La Rowling ha fatto sapere tramite Twitter che Silente ha provveduto a riportarlo nella nativa Grecia. Appare nel gioco Wizards Unite tra le creature da salvare e il posto in cui viene restituito appare come “Corridoio del terzo piano, 1992”. Il corridoio stesso viene nominato solo in un’altra occasione, quando nel Prigioniero di Azkaban Harry osserva i movimenti di Piton sulla Mappa del Malandrino per poter prendere il passaggio segreto per Hogsmeade, situato anch’esso al terzo piano.


Le camere sotterranee

Fuffi era solo il primo di una serie di vari ostacoli posizionati dai professori di Hogwarts. Di queste camere non si ha più uno straccio di notizia dopo il primo libro. Probabilmente, dato che non c’era più nulla da nascondere, esse sono cadute in disuso o addirittura in qualche modo sono state rimosse. In totale ne erano sette. Alcuni degli oggetti che contenevano, però, ricompaiono e tra poco vediamo quali.


Il Tranello del Diavolo

Dopo essere scesi nella botola sotto alle enormi zampe di Fuffi, il trio si trova impigliato nel pericolosa pianta nota come Tranello del Diavolo. Questa era la prova della professoressa Sprite, che sei anni dopo userà contro i Mangiamorte nella Battaglia di Hogwarts. Durante gli eventi dell’Ordine della Fenice, inoltre, un Tranello del Diavolo costerà la vita a Broderick Bode dell’Ufficio Misteri. La guaritrice del San Mungo Miriam Strout l’aveva scambiato per un innocente Frullobulbo. Era evidentemente un “regalo” dei Mangiamorte, ma Hermione si sente in colpa per non averlo riconosciuto.


La grande scacchiera

Dopo il Tranello del Diavolo e la prova delle chiavi volanti del professor Vitious, il trio affronta l’enigma della grande scacchiera della McGranitt, risolto brillantemente da Ron. Harry e Ron continuano a sfidarsi a scacchi anche negli anni successivi, almeno fino all’Ordine della Fenice. Non si sa però se questa enorme scacchiera sia mai stata in qualche modo riutilizzata. I pezzi riappaiono, come tanti altri oggetti dei primi film, nella Stanza delle Necessità nel sesto e nell’ottavo film, come easter egg.


I troll di montagna

Un troll! Nei sotterranei, un troll!“. Questa è una delle frasi più iconiche della Pietra Filosofale. Raptor mette tutti in guardia da questo mostro enorme e cattivo ma con scarsa intelligenza, poi si scoprirà che era stato stesso lui a introdurlo nel castello. Nel film viene omesso il secondo troll di montagna, che Raptor mette a guardia della Pietra Filosofale nella quinta stanza sotterranea. Dopodiché, non si hanno notizie di altri troll di montagna se non nel libro Animali Fantastici: dove trovarli, oltre a qualche apparizione sulle carte Streghe e Maghi Famosi nei videogiochi. Evidentemente sono stati rimossi dal castello con l’aiuto di Silente. Troll di altre specie, invece, vengono usati anche per le misure di sicurezza a Hogwarts, in particolare nel Prigioniero di Azkaban durante le aggressioni di Sirius e nell’Ordine della Fenice per fare da guardia alle scope della squadra di Grifondoro, confiscate dalla Umbridge per punizione.


Lo Specchio delle Brame

Dopo aver superato l’enigma delle pozioni di Piton, il trio arriva nella settima e ultima stanza. Essa conteneva la prova di Silente in persona, lo Specchio delle Brame. Non si sa cosa ne sia stato dello Specchio. Quattro anni dopo, Harry ripenserà a quando aveva visto i genitori nel momento in cui Sirius gli dona il suo specchio. Nell’ultimo libro, nella visione in cui incontra Silente, Harry capisce finalmente cosa aveva visto il Preside nello Specchio. Non desiderava un paio di calzini, ovviamente, ma la sua famiglia riunita, compresa la sorella Ariana, che in realtà era già morta. Anche lo Specchio riappare nella Stanza delle Necessità e anch’esso è presente in Wizards Unite. Come Fuffi, verrà restituito al corridoio del terzo piano una volta liberato.


La Pietra Filosofale

Non si poteva che concludere con l’oggetto che dà il nome al primo libro. Sappiamo per certo che è stata distrutta dopo lo scontro fra Raptor e Harry. Nel sesto libro scopriamo che, paradossalmente, Voldemort, ossessionato dal voler avere una vita eterna, avrebbe preferito perseguire il suo obiettivo tramite gli Horcrux più che con la Pietra, in un modo più “oscuro” che lo attraeva sicuramente di più, anche se poi ha provato anche a rubare la Pietra. Nell’ultimo libro scopriamo che questa Pietra è stata fonte di ispirazione per la Pietra della Resurrezione. Essa riappare anche nei Crimini di Grindelwald insieme al suo creatore Flamel. Su Pottermore, la Rowling ha fatto sapere che, da studente, Gilderoy Allock disse che avrebbe creato una Pietra Filosofale prima di diplomarsi a Hogwarts. Inutile specificare se poi l’abbia fatto davvero.

Commenti

×