Categorie

Archivi

Meta

La scuola di magia di Ilvermorny – II

29 Giugno 2016 sere-savo 8 min read

La scuola di magia di Ilvermorny – II

29 Giugno 2016 Rose 8 min read

Quattro case

Isotta e James consideravano i piccoli Boot come dei figli adottivi. Isotta ripeteva loro le storie di Hogwarts che aveva imparato da Gormlaith. I bambini sognavano di frequentare la scuola, e chiedevano spesso a Isotta perché non potevano tornare in Irlanda, dove avrebbero atteso le loro lettere. Isotta non voleva spaventarli con la storia di Gormlaith. Promise loro invece che quando avrebbero compiuto undici anni avrebbe in qualche modo trovato delle bacchette (visto che quelle dei genitori erano irrimediabilmente danneggiate) e che avrebbero fondato una scuola di magia lì a casa.

L’idea catturò l’immaginazione di Chadwick e Webster. L’idea che i due bambini avevano della scuola era basata quasi del tutto su Hogwarts, quindi insistevano che avesse quattro case. L’idea di battezzarle coi nomi dei fondatori fu presto abbandonata quando Webster dichiarò che una casa chiamata “Webster Boot” non avrebbe mai vinto niente. Ognuno di loro scelse invece il proprio animale magico preferito.
Per Chadwick, un bambino intelligente ma spesso lunatico, il Tuono Alato, che crea tempeste con le ali. Webster, polemico ma intensamente leale, scelse il Wampus, una sorta di pantera magica rapida, forte e quasi impossibile da uccidere. Per Isotta si trattava ovviamente del Serpecorno che continuava ad andare a trovare e a cui si sentiva stranamente affine.

Quando gli chiesero qual era la sua creatura preferita, James non seppe cosa rispondere. L’unico No-Mag della famiglia non era in grado di frequentare gli esseri magici che gli altri avevano cominciato a conoscere così da vicino. Alla fine, scelse il Magicospino, perché le storie di sua moglie sul burbero William lo facevano sempre ridere.

E fu così che vennero fondate le quattro case di Ilvermorny, e nonostante i fondatori non ne fossero consapevoli, la loro personalità trapelò nelle case che avevano battezzato così a cuor leggero.

case ilvermorny


Il sogno

L’undicesimo compleanno di Chadwick si avvicinava in fretta, e Isotta ancora non sapeva come avrebbe fatto a procurarsi la bacchetta che gli aveva promesso. A quanto ne sapeva lei, la bacchetta che aveva rubato a Gormlaith era l’unica in tutta l’America. Non osava sezionarla per scoprire com’era fatta, ed esaminando le bacchette dei genitori dei due bambini scoprì solo che la corda di cuore di drago e il crine di unicorno che contenevano si erano ormai rinsecchiti.

La vigilia del compleanno di Chadwick, Isotta sognò di andare al torrente a trovare il Serpecorno, che usciva dall’acqua e chinava il capo per permetterle di prendere una scheggia del suo corno. Quando si risvegliò nell’oscurità, Isotta si diresse lì.

Il Serpecorno la stava aspettando. Sollevò il capo, proprio come nel sogno, e Isotta prese una scheggia di corno, lo ringraziò e tornò a casa a svegliare James, la cui abilità con pietra e legno aveva già adornato la casa.

Quando Chadwick si svegliò il giorno dopo, trovò una bacchetta finemente intagliata di angelica spinosa che racchiudeva la scheggia di corno. Isotta e James erano riusciti a creare una bacchetta dai poteri eccezionali.

 


La fondazione della scuola di Ilvermorny

Quando Webster compì undici anni, la reputazione della piccola scuola si era già diffusa. Si erano uniti altri due giovani maghi della tribù dei Wampanoag e anche una madre e due figlie dei Narragansett: erano tutti interessati a imparare l’arte della bacchetta in cambio delle proprie conoscenza magiche. Isotta e James crearono bacchette per tutti. Un certo istinto protettivo suggerì ad Isotta di tenere i nuclei di Serpecorno per i figli adottivi, e insieme a James imparò ad usarne altri, tra cui il pelo di Wampus, la corda di cuore di Alastridente e le corna di Lepronte.

Nel 1634 la scuola era ormai cresciuta fino a superare ogni aspettativa della famiglia di Isotta. La casa si espandeva ogni anno. Erano arrivati altri studenti, e anche se la scuola era ancora piccola c’erano abbastanza ragazzi per realizzare la gare tra case sognate da Webster. Tuttavia, dato che la scuola era ancora conosciuta soltanto dalle tribù native e dai coloni europei, nessun alunno si fermava a dormire. Gli unici a restare lì la notte erano Isotta, James, Chadwick, Webster e le gemelline date alla luce da Isotta: Martha, come la defunta madre di James, e Riona, come quella di Isotta.


La vendetta di Gormlaith

La famiglia felice e indaffarata era ignara del grande pericolo in arrivo da oltremare. Era giunta notizia nelle Isole Britanniche che una nuova scuola di magia era stata fondata nel Massachusetts. Si diceva che la preside avesse ricevuto il nomignolo di Morrigan, come la famosa strega irlandese. Ma solo quando sentì che il nome della scuola era Ilvermorny, Gormlaith si convinse che Isotta era riuscita a raggiungere l’America di nascosto e a sposare non un Nato Babbano, ma addirittura un Babbano vero e proprio, oltre ad aprire una scuola che accettava chiunque avesse un briciolo di magia.

Gormlaith aveva acquistato una bacchetta dall’odiato Ollivander per rimpiazzare il prezioso e antico cimelio di famiglia rubato da Isotta. Decisa a nascondere il suo arrivo alla nipote fino all’ultimo, la imitò inconsapevolmente travestendosi da uomo per attraversare l’oceano a bordo della Bonaventure. Con cattiveria pura, decise di viaggiare sotto il nome di William Sayre, il padre di Isotta da lei assassinato. Gormlaith approdò in Virginia e cominciò a dirigersi di soppiatto verso il Massachusetts e il Monte Greylock, raggiungendo la montagna una notte d’inverno. Aveva deciso di distruggere la seconda Ilvermorny, uccidere la coppia che aveva rovinato la sua ambizione di creare una grande famiglia di purosangue, rapire le nipoti, ultime discendenti della sacra stirpe, e tornare con loro alla Valle della Megera.

Non appena vide il grande edificio di granito stagliarsi nel buio sulla cima del Monte Greylock, Gormlaith lanciò sulla casa una potente maledizione che conteneva i nomi di Isotta e James, facendoli sprofondare in un sonno incantato.

Quindi pronunciò un’unica sibilante parola in Serpentese, la lingua dei serpenti. La bacchetta che per anni aveva servito Isotta con tanta fedeltà tremò per un attimo sul comodino mentre la sua padrona dormiva, poi si disattivò. Durante tutti quegli anni di convivenza, Isotta non aveva mai saputo di possedere la bacchetta di Salazar Serpeverde, uno dei fondatori di Hogwarts, che conteneva il frammento del corno di un serpente magico: in questo caso, un Basilisco. Il suo creatore aveva insegnato alla bacchetta a “dormire” a comando, e questo segreto era stato tramandato per secoli ai discendenti di Serpeverde che ereditavano il cimelio.

Ciò che Gormlaith non sapeva, tuttavia, è che c’erano due abitanti della casa che non aveva incantato, perché non aveva mai sentito parlare di Chadwick, ormai sedicenne, e Webster, quattordicenne. L’altra cosa di cui non poteva essere a conoscenza era il nucleo delle loro bacchette: il corno del serpente di fiume. Quelle bacchette non si addormentarono quando Gormlaith pronunciò la sua parola in Serpentese. Al contrario, i loro nuclei magici vibrarono al suono dell’antica lingua e, percependo che i padroni erano in pericolo, cominciarono a emettere una nota bassa, il segnale di allarme del Serpecorno.

I ragazzi si svegliarono e saltarono in piedi. Chadwick guardò d’istinto fuori dalla finestra. Tra gli alberi, la sagoma di Gormlaith Gaunt avanzava con fare sinistro verso la casa.

Come tutti i bambini, anche Chadwick aveva sentito e capito molte più cose di quanto non immaginassero i suoi genitori adottivi. Forse credevano di avergli nascosto la sanguinaria Gormlaith, ma si sbagliavano. Da piccolissimo, Chadwick aveva sentito Isotta parlare del motivo della sua fuga dall’Irlanda e, all’insaputa dei due adulti, nei suoi sogni compariva spesso la figura di una vecchia strega che strisciava tra gli alberi verso Ilvermorny. Ora il suo incubo si era materializzato.

Dopo aver detto a Webster di svegliare i genitori, Chadwick corse al piano di sotto e fece l’unica cosa che gli pareva sensata: si precipitò fuori casa per impedire a Gormlaith di entrare nel luogo in cui dormiva la sua famiglia.

ilvermorny

Gormlaith non si era aspettata di incontrare un mago adolescente, e lo sottovalutò. Chadwick parò la sua maledizione con fare esperto e i due cominciarono a duellare. Entro pochi minuti, nonostante la sua notevole superiorità, Gormlaith fu costretta ad ammettere che il ragazzo era dotato ed era stato istruito bene. Mentre gli lanciava incantesimi alla testa per cercare di assoggettarlo e lo costringeva a indietreggiare verso casa, lo interrogò sulle sue origini, affermando che le sarebbe dispiaciuto uccidere un purosangue di talento.

Nel frattempo, Webster cercava di svegliare i genitori a forza di scossoni, ma l’incantesimo era così potente che nemmeno le urla e le maledizioni di Gormlaith che si schiantavano sulla casa riuscirono a svegliarli. Webster corse al piano terra e si unì al duello che ormai infuriava a due passi dalla porta d’ingresso.

Il secondo avversario complicò di parecchio il lavoro di Gormlaith, e per di più i nuclei gemelli delle bacchette dei ragazzi, usati insieme contro un nemico comune, diventarono dieci volte più efficaci. Ma la magia di Gormlaith era comunque abbastanza potente e oscura da tenere testa alla loro. Il duello raggiunse proporzioni formidabili: Gormlaith continuava a ridere e prometteva di risparmiarli se avessero dimostrato di essere purosangue, mentre Chadwick e Webster erano decisi a impedirle di raggiungere la loro famiglia. I fratelli finirono col dover indietreggiare dentro casa: le pareti si incrinarono e le finestre si spaccarono, ma Isotta e James dormivano ancora, finché le bimbe al piano di sopra non si svegliarono urlando per la paura.

Fu questo a spezzare l’incantesimo che li attanagliava. La furia e la magia non erano riusciti a svegliarli, ma le grida di terrore delle figlie li liberarono dalla maledizione di Gormlaith, che non aveva tenuto conto del potere dell’amore. Isotta urlò a James di correre dalle piccole. Lei si lanciò ad aiutare i figli adottivi con la bacchetta di Serpeverde in mano.

Fu solo quando la alzò per attaccare l’odiata zia che si rese conto che la bacchetta addormentata non era molto più utile di un ramoscello trovato per terra. Gongolante, Gormlaith respinse Isotta, Chadwick e Webster su per le scale, verso la stanza da cui proveniva il pianto delle pronipoti. Infine riuscì a spalancare di schianto la porta della camera, dove James si parava pronto a morire di fronte alle culle delle figlie. Certa che tutto fosse perduto, Isotta chiamò a gran voce il padre assassinato, senza nemmeno rendersene conto.

Ci fu un forte clangore e la luce della luna venne schermata dalla sagoma di William il Magicospino sul davanzale. Prima che Gormlaith potesse rendersi conto dell’accaduto, una freccia avvelenata le trapassò il cuore. La donna lanciò un grido spettrale che fu udito per chilometri. Erano troppi i tipi di Magia Oscura con cui si era trastullata per cercare di diventare invincibile, e quelle maledizioni reagirono con il veleno del Magicospino rendendola solida e friabile come il carbone, per poi mandarla in mille pezzi. La bacchetta di Ollivander cadde a terra ed esplose: di Gormlaith Gaunt non rimase che un mucchietto di polvere fumante, un bastoncino rotto e una corda di cuore di drago bruciacchiata.

William aveva salvato la vita alla famiglia. Ricambiò la loro gratitudine ringhiando che Isotta non si era curata di chiamarlo per un decennio e che era molto offeso che l’avesse fatto solo di fronte a un pericolo mortale. Isotta aveva troppo tatto per spiegargli che aveva chiamato un altro William. James fu felicissimo di incontrare il Magicospino di cui aveva sentito parlare così tanto e, dimentico dell’odio che quelle creature nutrono per la maggior parte degli esseri umani, strinse la mano a William e gli disse che era davvero contento di aver dato il suo nome a una delle case di Ilvermorny.

Si dice che sia stato proprio quel complimento ad addolcire William, che il giorno dopo traslocò lì portando con sé la propria famiglia e, lamentandosi di continuo come al solito, aiutò gli umani a riparare i danni causati da Gormlaith. Annunciò quindi che i maghi erano troppo stupidi per proteggersi da soli, e contrattò un considerevole stipendio in oro per fungere da servizio di sicurezza e manutenzione della scuola.


←INDIETRO | CONTINUA →

Tratto da Pottermore.com

Commenti

  • […] La scuola di magia di Ilvermorny – II […]

  • ×