Categorie

Archivi

Meta

La scuola di Magia di Ilvermorny

29 Giugno 2016 sere-savo 8 min read

La scuola di Magia di Ilvermorny

29 Giugno 2016 Rose 8 min read

La grande scuola di magia nordamericana fu fondata nel XVII secolo. Sorge sul picco più alto del Monte Greylock, nascosta ad occhi non magici da una moltitudine di potenti incantesimi che talvolta prendono la forma di una ghirlanda nebbiosa.


Le origini irlandesi

Isotta Sayre nacque intorno al 1603 e trascorse la prima parte della sua infanzia nella valle di Coomloughra, nella contea irlandese del Kerry. Era figlia di due famiglie di maghi purosangue.

Suo padre, William Sayre, era un diretto discendente di Morrigan, la famosa Animagus irlandese che era in grado di trasformarsi in un corvo. William soprannominò la figlia “Morrigan” per l’affinità che aveva con la natura, fin da piccola. La prima infanzia della bimba fu idilliaca: i suoi genitori la adoravano e aiutavano silenziosamente i vicini Babbani producendo cure magiche per persone e bestiame.

Tuttavia, quando aveva cinque anni, casa sua venne attaccata ed entrambi i genitori rimasero uccisi. Isotta venne “salvata” da una zia materna che non aveva contatti con la famiglia, Gormlaith Gaunt, che la portò nella vicina valle di Coomcallee, o “Valle della megera”, per crescerla.

ireland

Man mano che cresceva, Isotta capì che la sua salvatrice l’aveva in realtà rapita dopo aver assassinato i suoi genitori. Squilibrata e crudele, Gormlaith era una strega purosangue fanatica convinta che la gentilezza della sorella verso i vicini avrebbe un giorno indirizzato Isotta verso un matrimonio misto con un Babbano. Secondo lei, l’unico modo per riportare la bambina sulla “retta via” era rapirla e crescerla con la consapevolezza che, quale discendente di Salazar Serpeverde e Morrigan, lei dovesse frequentare esclusivamente maghi purosangue.

Cattura

Gormlaith decise di fare da esempio a Isotta costringendola ad assistere mentre malediceva Babbani e animali che si avvicinavano troppo a casa sua. La comunità locale imparò ben presto ad evitare la casetta di Gormlaith, e da allora Isotta vide gli abitanti del villaggio, che un tempo erano stati suoi amici, solo quando i bambini del posto le tiravano le pietre mentre giocava in giardino.

All’arrivo della lettera di Hogwarts, Gormlaith si rifiutò di mandare Isotta a scuola, convinta che la bambina avrebbe imparato di più a casa che non in un istituto pericolosamente egualitario e pieno di Mezzosangue. Gormlaith stessa aveva però frequentato Hogwarts e ne parlava spesso alla ragazzina. Lo faceva soprattutto per denigrare la scuola, lamentandosi del mancato coronamento dei piani di Salazar Serpeverde sulla purezza della stirpe magica. A sua nipote, isolata e maltrattata da una zia che riteneva almeno in parte folle, Hogwarts sembrava un paradiso di cui sognò per gran parte della sua adolescenza.

Per dodici anni Gormlaith usò la Magia Oscura per costringere Isotta ad aiutarla e per isolarla. Infine, la giovane divenne abbastanza abile e coraggiosa da fuggire impadronendosi della bacchetta della zia, dato che non le era mai stato permesso di averne una sua. L’unico altro oggetto che Isotta portò con sé fu la spilla d’oro a forma di nodo gordiano che era appartenuta a sua madre. Dopodiché lasciò l’Irlanda.

Temendo la vendetta di Gormlaith e la sua prodigiosa capacità di stanare le persone, Isotta cominciò col trasferirsi in Inghilterra, ma ben presto Gormlaith la rintracciò. Decisa a nascondersi in modo definitivo dalla madre adottiva, Isotta si tagliò i capelli. Finse di essere un Babbano chiamato Elias Story e salpò verso il Nuovo Mondo a bordo della Mayflower nel 1620.

TheMayflower

Isotta arrivò in America con alcuni dei primi coloni Babbani (i Babbani sono detti “No-Mag” nella comunità magica americana, da “Non Magico”). Dopo l’attracco, svanì tra le montagne vicine, e ai suoi compagni di bordo non restò che dedurre che “Elias Story” fosse morto a causa dei rigori dell’inverno, come tanti altri. Isotta abbandonò la nuova colonia non solo per paura che Gormlaith la trovasse perfino nel nuovo continente, ma anche perché il suo viaggio a bordo della Mayflower le aveva fatto capire che una strega avrebbe trovato pochissimi spiriti affini tra i Puritani.

Isotta era sola in un paese straniero e inospitale e, per quanto ne sapeva, era anche l’unica strega nel giro di centinaia se non migliaia di chilometri: l’educazione parziale che le era stata impartita da Gormlaith non comprendeva nozioni sui maghi nativi americani. Tuttavia, dopo diverse settimane di solitudine tra le montagne, incontrò due creature magiche di cui finora aveva ignorato l’esistenza.

Il Nascondombra è uno spettro notturno che vive nei boschi e va a caccia di creature umanoidi. Come indicato dal nome, è in grado di contorcersi e nascondersi dietro qualsiasi tipo di oggetto, celandosi perfettamente da predatori e vittime. I No-Mag sospettano che esista, ma non sono in grado di tener testa ai suoi poteri. Solo maghi e streghe possono sopravvivere ai suoi attacchi.

Nascondi Ombra

I Magicospino sono invece esseri bassi, dalla faccia grigia e dalle orecchie grandi, imparentati alla lontana con il goblin europeo ma originari delle Americhe. Sono orgogliosamente indipendenti, scaltri, poco amanti degli umani (magici o meno) e hanno una propria potente forma di magia. Vanno a caccia con letali frecce avvelenate e amano ingannare gli esseri umani.

Magicospino

I due esseri si erano incrociati nella foresta e il Nascondombra, di forza e dimensioni insolite, era riuscito non solo a catturare il Magicospino, che era giovane e inesperto, ma era sul punto di sventrarlo quando Isotta lanciò un incantesimo che lo mise in fuga. Ignara del grandissimo pericolo rappresentato dal Magicospino per gli esseri umani, Isotta lo prese in braccio, lo portò al suo rifugio di fortuna e lo rimise in sesto.

Il Magicospino si dichiarò suo servitore finché non avesse avuto l’occasione di ripagare il debito. Essere debitore di una giovane strega talmente sciocca da vagare per un paese straniero dove i Magicospino e i Nascondombra avrebbero potuto attaccarla in qualsiasi momento era per lui una grande umiliazione, e le giornate di Isotta si colmarono delle lamentele della creatura, che la seguiva controvoglia qua e là.

Nonostante la sua ingratitudine, Isotta lo trovava divertente ed era felice di avere compagnia. Col tempo, l’amicizia che nacque tra di loro divenne tale da essere quasi unica nella storia delle loro specie. Fedele ai tabù della sua gente, il Magicospino si rifiutò di rivelarle il proprio nome, e lei lo ribattezzò William, come suo padre.


Il Serpecorno

William cominciò a far familiarizzare Isotta con le creature magiche che conosceva. Andarono insieme a osservare le battute di caccia dell’Hodag testadirana, affrontarono un Drago Alastridente e guardarono dei cuccioli di Wampus appena nati che giocavano all’alba.

Ma per Isotta, l’essere più affascinante era il Serpecorno di fiume con una gemma incastonata nella fronte che viveva in un torrente nei paraggi. Perfino il Magicospino era atterrito dalla belva, ma con suo enorme stupore il Serpecorno sembrò affezionarsi a Isotta. La cosa ancora più allarmante per William fu che la ragazza affermava di capire quello che le diceva il Serpecorno.

Serpecorno

Isotta imparò a non parlare al Magicospino dello strano senso di affinità che provava verso il serpente, o del fatto che la creatura sembrava parlarle. Cominciò a visitare il torrente da sola e di nascosto. Il messaggio del serpente non cambiava mai: “Finché farò parte della tua famiglia, essa rimarrà in pericolo”.

Ma Isotta non aveva parenti, a parte Gormlaith in Irlanda. Non riusciva a capire le parole criptiche del Serpecorno, e nemmeno a stabilire se la voce che le parlava fosse reale o no.


Webster e Chadwick Boot

Furono eventi tragici a ricongiungere Isotta coi suoi simili. Mentre cercava cibo nel bosco con William, un rumore tremendo nelle vicinanze spinse il Magicospino a gridarle di rimanere dov’era mentre lui si lanciava tra gli alberi incoccando una freccia avvelenata.

Naturalmente Isotta ignorò l’ordine, e quando poco dopo lo raggiunse, un orrendo spettacolo la attendeva in mezzo a una piccola radura. Lo stesso Nascondombra che aveva cercato di uccidere William aveva avuto più fortuna con una coppia di ingenui umani che ora giacevano morti al suolo. Per di più, due bambini gravemente feriti attendevano inermi il loro turno, mentre il Nascondombra si preparava a sventrare i genitori.

Il Magicospino e Isotta liquidarono il Nascondombra in un baleno, uccidendolo una volta per tutte. Estremamente soddisfatto del risultato, il Magicospino continuò a raccogliere more, ignorando i deboli lamenti dei bambini feriti. Quando Isotta gli ordinò furibonda di aiutarla a portare i due piccoli a casa, William fece una scenata. I bambini erano belli che morti, le disse. Aiutare gli umani andava contro i principi del suo popolo: Isotta faceva purtroppo eccezione perché gli aveva salvato la vita.

Indignata dall’insensibilità del Magicospino, Isotta gli disse che avrebbe accettato il salvataggio di uno dei due bambini come pagamento. I due ragazzini stavano così male che aveva paura di Materializzarsi con loro, quindi insistette per portarli a casa in braccio. Il Magicospino accettò controvoglia di portare il bambino più grande, Chadwick, mentre Isotta trasportava il piccolo Webster al rifugio.

Una volta arrivati, Isotta disse a William con furia che non aveva più bisogno di lui. Il Magicospino le lanciò un’occhiataccia e sparì.

18-things-we-learned-about-the-ilvermorny-school-of-witchcraft-and-wizardry-chadwick-and-1038767


I piccoli Boot e James Steward

Isotta aveva sacrificato il suo unico amico per due bambini che rischiavano di non sopravvivere. Per fortuna ce la fecero, e con enorme stupore e gioia si rese conto che erano in grado di usare la magia.

I loro genitori, dei maghi, li avevano portati in America in cerca di grandi avventure. La storia era finita in tragedia quando la famiglia si era inoltrata nella foresta e aveva incontrato il Nascondombra. Non pratico di queste creature, il signor Boot l’aveva scambiato per un comune Molliccio e aveva cercato di prendersi gioco di lui, col terribile esito a cui avevano assistito Isotta e William.

Le condizioni dei bambini erano così gravi che per un paio di settimane Isotta non osò lasciarli soli. Nella fretta di salvarli, non era riuscita a dare una sepoltura dignitosa ai loro genitori, e quando la salute di Chadwick e Webster migliorò abbastanza da poterli lasciare per qualche ora, Isotta tornò alla foresta per preparare delle tombe che un giorno i bambini avrebbero potuto visitare.

Quando raggiunse la radura, fu sorpresa dalla presenza di un giovane di nome James Steward. Anche lui veniva dall’insediamento di Plymouth. James aveva notato la scomparsa della famigliola con cui aveva fatto amicizia durante il viaggio verso l’America e si era inoltrato nella foresta per cercarla.

Isotta lo vide contrassegnare le tombe che aveva scavato a mano e quindi raccogliere le due bacchette spezzate che aveva trovato vicino ai corpi. James esaminò con la fronte aggrottata la corda di cuore di drago scintillante che emergeva dalla bacchetta del signor Boot, poi la agitò. Come succede invariabilmente quando un No-Mag agita una bacchetta, questa si ribellò. James fu scaraventato all’indietro, finì contro un albero e perse i sensi.

Si risvegliò in una capanna di rami e pelli sotto le cure di Isotta. Nascondergli le sue abilità magiche era impossibile in uno spazio così limitato, soprattutto quando Isotta preparava pozioni per aiutare i piccoli Boot a ristabilirsi o quando usava la bacchetta per cacciare. Isotta aveva intenzione di usare l’incantesimo Oblivion su James una volta che si fosse ripreso dal colpo per rimandarlo alla colonia di Plymouth.

Nel frattempo, era bellissimo poter parlare con un altro adulto, e specialmente con uno che si era già affezionato ai piccoli Boot e che la aiutava a tenere loro compagnia mentre riprendevano le forze. James, che in Inghilterra aveva fatto il muratore, la aiutò perfino a costruire una casa di pietra in cima al Greylock creando un progetto attuabile che lei realizzò nel giro di un pomeriggio. Isotta la battezzò “Ilvermorny”, come la casetta in cui era nata e che Gormlaith aveva distrutto.

Cattura

Ogni giorno Isotta giurava di cancellare la memoria di James e ogni giorno l’uomo temeva un po’ meno la magia, finché non si resero conto che sarebbe stato più semplice ammettere il loro amore, sposarsi e farla breve.

isotta

CONTINUA→

Testo tratto da Pottermore.com

Commenti

×