Categorie

Archivi

Meta

Svaghi da maghi: i videogiochi di Harry Potter

19 Ottobre 2017 gian-tucc 4 min read

Svaghi da maghi: i videogiochi di Harry Potter

19 Ottobre 2017 Neville 4 min read

Sulla scia del grande successo a cui Harry Potter è andato incontro, dal 2001 sono uscite numerose riproduzioni videoludiche della saga, più o meno fedeli alla storia.

I videogiochi, che si ispirano più alle trasposizioni cinematografiche che ai libri della Rowling, sono usciti in concomitanza con i film e sono perlopiù rivolti a un target infantile.
Di seguito, trovate un elenco dei titoli in questione:


Harry Potter e la pietra filosofale (2001)

Pubblicato nel 2001 da EA Games, il gioco – destinato a Playstation, PlayStation 2, Windows, Game Boy Color, Mac OS, Game Boy Advance, Xbox e GameCube – si caratterizza per la sua tridimensionalità. Vestendo i panni di Harry, è possibile esplorare i luoghi del primo film, partecipando alle lezioni, dialogando con numerosi personaggi, imparando vari incantesimi e affrontando diverse prove in vista del combattimento contro Voldemort.


Harry Potter e la camera dei segreti (2002)

Seppur molto vicino nello stile e nel gameplay al capitolo precedente, il gioco di Harry Potter e la camera nei segreti – uscito per le medesime piattaforme del precedente – presenta comunque numerose novità: è possibile intraprendere divertenti minigiochi e prendere parte al campionato di Quidditch (dove la vittoria non è sempre assicurata…). L’avventura si fa più intrigante: i dialoghi con i personaggi si rivelano cruciali per scoprire quanto più possibile sulla misteriosa Camera dei segreti, e la precisione negli incantesimi segna la differenza tra la vittoria e la sconfitta nei duelli. Degno di nota è il comparto audio del videogioco, che assicurò a Jeremy Soule un premio BAFTA per la miglior musica nel settore videoludico.


Harry Potter e la Coppa del mondo di Quidditch (2003)

Terzo gioco ispirato alla saga, Harry Potter e la Coppa del mondo di Quidditch – uscito per Microsoft Windows, Game Boy Advance, Xbox, GameCube, PlayStation 2 – non rispecchia le trasposizioni cinematografiche, ma permette di prendere parte, dopo le qualificazioni a Hogwarts, alla Coppa del mondo del gioco più famoso nel mondo magico. A differenza dei due titoli precedenti, è possibile giocare in coppia: il divertimento è assicurato!


Harry Potter e il prigioniero di Azkaban (2004)

A differenza dei capitoli precedenti, in Harry Potter e il prigioniero di Azkaban, uscito per le stesse piattaforme di Harry Potter e la Coppa del mondo di Quidditch, è possibile impersonare di volta in volta Harry, Ron o Hermione, sfruttando al massimo le potenzialità e le peculiarità di ciascuno di loro nei duelli e nelle sfide ed esplorando ambienti mai visti nei giochi precedenti.


Harry Potter e il calice di fuoco (2005)

Questo capitolo vede l’introduzione di numerose innovazioni nel gameplay: le vibrazioni dei controller consentono di percepire come non mai la potenza degli incantesimi scagliati; l’introduzione del multiplayer consente di aumentare le probabilità di eccellere nelle varie prove del torneo Tremaghi. Le migliorie nella grafica aumentano la verosimiglianza dei personaggi, le cui avventure sono ora orientate più all’azione che alla strategia. L’impostazione in stile platform non consente di esplorare il castello e i dintorni di Hogwarts. Harry Potter e il calice di fuoco, anch’esso prodotto da EA Games, è disponibile per Windows, GBA, Xbox, GameCube, PS2, DS e PSP.


Harry Potter e l’Ordine della Fenice (2007)

Uscito per le medesime piattaforme del capitolo precedente (a esclusione dell’Xbox, sostituita dall’Xbox 360), più PS3 e Wii, il gioco si presenta migliore dei precedenti sotto più punti di vista: è destinato anche a un target più adulto; l’impostazione di avventura dinamica è abbandonata a vantaggio di uno stile free roaming che consente l’esplorazione di oltre ottanta ambienti, per cui le vicende della storia non seguono più uno schema rigido, ma variano in base alle scelte dei videogiocatori.


Harry Potter e il principe mezzosangue (2009)

Molto fedele al sesto libro, Harry Potter e il principe mezzosangue segue l’impostazione del titolo precedente, caratterizzandosi come un gioco free roaming. Tra le varie versioni del gioco (PS2, PS3, Xbox 360, Windows, DS, Wii, PSP, macOS), da segnalare è quella destinata al Nintendo DS, che vanta un maggior numero di incantesimi e magie.


Harry Potter e i Doni della Morte – Parte 1 (2010) e Parte 2 (2011)

Lo sviluppo di questo capitolo è stato orientato alla ricerca di uno stile più vicino all’azione, che favorisse il massimo  controllo delle imprese dei personaggi. Il rinnovamento del motore grafico ha assicurato una maggiore aderenza alla verosimiglianza che si concretizza nella grafica ad alta risoluzione delle console per cui è stato prodotto: PS3, Xbox 360, Windows, Wii e DS.

La seconda parte, uscita nel 2011, ha la stessa impostazione della prima; divisa in dodici capitoli, consente di sbloccare contenuti come i profili di vari personaggi o pezzi musicali.


Sono usciti anche titoli appartenenti al mondo LEGO:

  • LEGO Creator Harry Potter (2001),
  • LEGO Creator Harry Potter and the chamber of secrets (2002),
  • LEGO Harry Potter Anni 1-4 (2010),
  • LEGO Harry Potter anni 5-7 (2011).

Inoltre Harry Potter e Newt Scamander vi aspettano anche su LEGO Dimensions!

A proposito: arriveranno nuovi set LEGO Harry Potter nel 2018?


 

Commenti

Neville
Neville

«Per aspera ad astra» | Gianluigi, 19

All posts
×