Categorie

Archivi

Meta

Harry Potter e il Signore degli Anelli -2

19 Gennaio 2016 gret-albo 5 min read

Harry Potter e il Signore degli Anelli -2

19 Gennaio 2016 Bellatrix 5 min read

Bentornati potterheads! Come promesso alla fine della prima parte dell’articolo su questo argomento, sono tornata per svelarvi altre cinque, interessantissime, nuove similitudini tra il capolavoro di J. R. R. Tolkien, il Signore degli Anelli, e la nostra saga, più recente e scritta da J. K. Rowling, Harry Potter.


1-Ragni Giganti

Iniziamo con qualcosa che piace moltissimo al nostro caro Ron Weasley – “Perchè seguite i ragni? Non poteva essere seguite le farfalle?”, giusto per citare. Avrete già capito che sto parlando di ragni! Più che una spoiler alert, è una spider alert questa. Il piccolo Aragog, che tutti abbiamo conosciuto in Harry Potter e la camera dei Segreti, è stato molto probabilmente creato su ispirazione della vecchia Shelob, il bel ragnone che popola le montagne di Ephel Dual vicino a Mordor e al cui confronto Aragog è un giovincello scalpitante.

Non è solo la malvagità che accomuna questi due ragni, ma anche il fatto che non sono i cattivi principale della storia in cui sono inseriti. Entrambi sono noti per avere gli uomini tra le preferenze alimentari, entrambi vivono all’interno di grosse e oscure tane, sono in grado di comunicare con gli esseri umani, sebbene dalla vecchia Shelob non abbiamo sentito delle vere e proprie parole, è evidente che è in grado quantomeno di comunicare con gli uomini. Altro punto in comune davvero interessante è l’etimologia del nome di questi ragni, che in qualche modo ha la stessa origine, infatti Aragog è composto dal prefisso di derivazione greca “ara” che indica gli aracnidi, mentre Shelob in inglese è la composizione di she (lei) e lob (un suffisso che indicherebbe il ragno).
E’ corretto osservare anche una differenza, mentre Shelob non prova rispetto né devozione per nessuno, Aragog si rivela in diverse occasioni molto fedele ad Hagrid, che si è preso cura di lui. 10 punti per Aragog!


2-Creature di varia classificazione

Cominciamo dalle tenebre per questo capitolo. I Natzgul, quei simpaticissimi cavalieri neri con una irrefrenabile voglia di infliggere incubi e morte, così come i Dissennatori, che per simili motivi vi sconsiglio di baciare, sono a loro modo e nelle rispettive saghe figure oscure, che indossano lunghi vestiti neri e che hanno una consistenza inconsistente. Da sentire freddo soltanto a sentirne parlare!

Altra categoria di creature da prendere in esame sono i Goblin, piccole, fastidiose e poco socievoli creature che hanno dimora in entrambi i mondi, dove notoriamente si occupano degli affari e della gestione del denaro.

Possiamo vedere una similitudine tra due personaggi dall’assetto morale completamente diverso, ma che fisicamente si assomigliano moltissimo. Piccoletti, occhi enormi, orecchie grandi, parlano sempre di sé in terza persona. Sorprendente la somiglianza tra Dobby e Gollum vero?

Prima di procedere, vorrei farvi notare anche che, a differenza della Rowling, nei libri di Tolkien non vediamo mai i lupi mannari trasformarsi di nuovo in persone, sebbene essi siano presenti nella saga de Il Signore degli Anelli. A Lupin è andata bene nel finire nella saga di Harry Potter!


3-Personaggi minori

Per quanto mi rammarichi nel definirlo un personaggio minore, Neville Paciock, in inglese Longbottom, in qualche modo deriva da un personaggio minore de Il Signore degli Anelli. Longbottom, in italiano tradotto come Pianilungone è un luogo a Sud della Contea, dove viva un Hobitt dal pollice verde, Tobaldo Soffiatromba, il quale per primo coltivò l’erba pipa. Niente che vi ricordi il nostro amato professore di Erbologia, vero?

Un’altra coppia interessante è formata da Codaliscia (in inglese Wormtail, letteralmente coda di verme) e Vermilinguo (in inglese Wormtongue, che significa proprio lingua di verme). Come suggeriscono i loro nomi, sono personaggi infidi e viscidi, ma non poi così potenti, tanto da essere paragonati a dei vermi. Peter Minus ha vissuto per anni vicino ad Harry e ai suoi amici, vivendo con Ron, prima di rivelarsi un Mangiamorte e un traditore. Allo stesso modo, Vermilinguo per anni ha vissuto a fianco del re Theoden, prima che si scoprisse che fosse una spia di Saruman.

Ultima, sorprendente somiglianza è tra Fred e George Weasley e Merry e Pipino. Entrambe queste coppie portano sollievo e allegria persino nei momenti più oscuri e infelici. Che poi, la prima ormai è una mezza coppia, grazie Joanne!


4-Oggetti

Aldilà della vetrina del gioielliere di cui abbiamo parlato nello scorso articolo, ci solo altri oggetti con funzioni e aspetto simili nelle due saghe. Così come ne La Compagnia dell’Anello vediamo che lo specchio di Galadriel ha in qualche modo il potere di mostrare “le cose che sono state, che sono e che potrebbero essere”, in Harry Potter vediamo il Pensatoio di Silente, in grado di mostrare i ricordi delle persone, così da meglio capire il presente e magari prevedere il futuro.

Parliamo ora di armi, cominciando da Anduril, la misteriosa e potente spada di Aragorn. Non vi ricorda forse la spada di Grifondoro, che ha spesso aiutato il nostro Harry a compiere le sue missioni? Entrambe sono decorate da simboli e incantate, oltre che non appartengono a un singolo proprietario, ma soltanto ai legittimi eredi, Aragon di Isildur e Harry di Godric Grifondoro.


5-I maghi

Infine, come non parlare della magia e dei maghi, personaggi fondamentali di entrambe le saghe. Le differenze e le somiglianze di due dei più grandi maghi della storia, Gandalf e Albus Silente, sono davvero affascinanti. Oltre a una barba lunga quanto la vastità della loro sapienza, entrambi i personaggi sacrificano la propria vita per le persone a cui hanno fatto da mentori, anche se poi “a volte ritornano” -anche se,ahimè, Silente solo come spirito. Gandalf e Silente passano moltissimo tempo a sentire e raccogliere storie di ogni tipo, oltre che sui propri nemici, ed entrambi sono noti per essere tra i più sapienti del proprio mondo.

Ancora, entrambi questi maghi sono tra le persone più gentili e oneste, ma anche più mortali, nelle rispettive storie. Non sappiamo nemmeno granchè delle famiglie di nessuno di questi due stregoni e, in realtà, senza i loro piccoli protetti, sembrerebbero essere personaggi molto soli, sempre in conflitto con il proprio passato.


La seconda e ultima parte di questo articolo si conclude qui, anche se le analogie tra harry Potter e la pietra miliare del fantasy sono ben di più. Grazie per l’attenzione e rimanete ancora con noi!

Commenti

Bellatrix
Bellatrix

All posts
×