Categorie

Archivi

Meta

18 curiosità su J.K. Rowling | Parte 1

29 Dicembre 2015 sere-savo 3 min read

18 curiosità su J.K. Rowling | Parte 1

29 Dicembre 2015 Rose 3 min read

Tutti noi potterheads dobbiamo molto alla cara Rowling: non sono ha creato un capolavoro della letteratura, ma ci ha dato modo di vivere esperienze nuove ed emozionanti.
Tutti (o quasi) conoscono questa scrittrice, al di là del fatto che gli piacciano o meno i suoi libri.
Ma siete davvero sicuri di conoscerla bene?
Ecco alcune piccole curiosità che forse non conoscete!

  • C’è un motivo preciso per cui la stazione di King’s Cross è stata scelta come elemento chiave nei libri di Harry Potter

    Tutti noi sappiamo il ruolo svolto dalla stazione di King’s Cross: è proprio da lì, precisamente dal binario 9 e ¾, che parte l’Hogwarts Express. Questo è un luogo speciale per la scrittrice: è il luogo in cui i suoi genitori, James e Anne, allora diciottenni, si incontrarono per la prima volta. I due si sposarono l’anno successivo e rimasero insieme fino alla morte di Anne, avvenuta a 45 anni per sclerosi multipla.
    harry-potter-binario-9-3-4


     

  • Ha scritto la sua prima storia all’età di 6 anni

    La Rowling ha dichiarato di aver scritto la sua prima storia – un  racconto su un coniglio chiamato, in modo originale, “Coniglio”- all’età di sei anni. L’allora giovanissima scrittrice fece leggere il suo operato alla madre, che commentò con un “Oh, che carino!”, proprio come ci si aspetta da un genitore. La Rowling ha rivelato come all’epoca avesse pensato: “Se è davvero così buono, perché non lo fai pubblicare?” Ha riconosciuto anche che quei pensieri fossero un po’ inconsueti per una bimba di sei anni.


     

  • Nel mondo anglofono, il suo nome viene pronunciato in modo sbagliato

    La pronuncia corretta di “Rowling”, sia in inglese che in italiano, dovrebbe far rima con la parola “bowling”. Nei paesi anglofoni è invece pronunciato come se rimasse con la parola “howling”, quindi in modo errato. L’autrice ha dichiarato di essersi rassegnata e di aver rinunciato a correggere coloro che lo pronunciano in modo sbagliato.


     

  • La sua eroina letteraria preferita è Jo March, di “Piccole donne”

    La Rowling ha dichiarato che le risultava facile immedesimarsi nella piccola Jo: cocciuta e con l’ardente ambizione di diventare una scrittrice. Questa descrizione mi ricorda vagamente qualcun altro…


     

  • Ha dovuto indossare un travestimento per comprarsi un abito da sposa

    J.K. Rowling ha dovuto ricorrere ad un travestimento per evitare di farsi riconoscere quando, nel 2001, ha dovuto acquistare l’abito da sposa per il matrimonio con Neil Murray.
    Ha ricorso a travestimenti solo quella volta.


     

  • Possiede una rara prima edizione di un romanzo della sua autrice preferita

    Sebbene non abbia più problemi economici, l’autrice di Harry Potter tende a non eccedere nelle sue spese personali. Ha infatti dichiarato di aver acquistato in un’occasione un paio di orecchini piuttosto costosi; sentendosi terribilmente in colpa, ha donato poco dopo una cifra equivalente in beneficenza. Uno degli oggetti più preziosi in suo possesso è una rara prima edizione di un romanzo di Jane Austen (non sappiamo quale sia). Ha dichiarato che Jane Austen è la sua scrittrice preferita, aggiungendo “Ho letto tutti i suoi libri tante di quelle volte da aver perso il conto.”
    Un po’ come abbiamo fatto noi con la Saga!


     

  • Il cognome “Potter” non è casuale!

    Durante la sua infanzia la Rowling visse Winterbourne, poco fuori Bristol. Ha raccontato dell’amicizia che strinse con due fratelli: e indovinate? Il loro cognome era Potter! L’autrice ha rivelato di aver sempre preferito il loro cognome al proprio, il quale veniva spesso storipiato in “rolling pin” (trad. mattarello), il che risultava particolarmente irritante.
    hpss107


     

  • Quale personaggio letterario le sarebbe piaciuto essere

    A questa domanda l’autrice dei romanzi ha risposto “Elizabeth Bennet, ovviamente.”Elizabeth-keira-knightley-as-elizabeth-bennet-10470523-1250-840


     

  • Voleva che l’ultima parola dell’intera saga di Harry Potter fosse “cicatrice”

    Inizialmente la Rowling aveva scelto come ultima parola conclusiva della saga “cicatrice” e aveva mantenuto questa idea per un po’ di tempo; successivamente ha cambiato idea, optando per un più sereno: “Andava tutto bene”.all_was_well_by_shelbi_s-d3i2cdi


    Queste curiosità non vi bastano? Non lasciatevi sfuggire la seconda parte!

    Nel frattempo..
    Vuoi sapere di più sulla vita di JKRowling? CLICCA QUI!

Commenti

×